Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:MONTEPULCIANO11°19°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 27 settembre 2022

PSICO-COSE — il Blog di Federica Giusti

Federica Giusti

Laureata in Psicologia nel 2009, si specializza in Psicoterapia Sistemico-Relazionale nel 2016 presso il CSAPR di Prato e dal 2011 lavora come libera professionista. Curiosa e interessata a ciò che le accade intorno, ha da sempre la passione della narrazione da una parte, e della lettura dall’altra. Si definisce amante del mare, delle passeggiate, degli animali… e, ovviamente, della psicologia!

​Scegliete chi abbracciare finché siete in tempo

di Federica Giusti - venerdì 19 agosto 2022 ore 08:00

In Pontedera, nella zona del Panorama, c’è questa scritta che troneggia sul muro dell’ex igloo. Una frase scritta con una bomboletta spray, apparentemente banale, ma solo apparentemente. Perché racchiude in sé mille emozioni. Abbracciare chi c’è, chi cammina al nostro fianco, e la speranza e la voglia di poter riabbracciare, anche solo per un istante, chi non c’è più. E ci pensavo proprio oggi, quando l’ho vista di nuovo, dopo aver ascoltato le parole di Alberto Angela nel saluto a suo padre. Perdere qualcuno è tremendamente doloroso (inutile cercare giri di parole) ma è importante concentrarci su ciò che le persone ci lasciano in eredità, e non mi riferisco a niente di materiale. E persone del livello di Piero Angela sicuramente lasciano in tutti noi, in questa calda ed afosa estate, un senso di vuoto e di pieno. Vuoto perché, per quanto non avessimo rapporti diretti con lui, già ci mancano la sua gentilezza, la sua fine intelligenza e la sua enorme dignità; e pieno perché in realtà tutto ciò che ci ha donato rimane con noi, nel mondo della scienza e nei nostri ricordi.

Ma scegliere chi abbracciare non deve solo farci pensare a chi non possiamo abbracciare più. Esattamente al contrario. Voglio proprio invitarvi ad abbracciare chi avete intorno, facendo una bella terapia dell’abbraccio, come faccio io con i miei nipotini ogni volta che li vedo. E poi abbracciate chi amate, gli amici ma non solo, anche i vostri pelosetti, se ne avete.

Abbracciare libera serotonina, ossitocina e cortisolo, ossigena il sangue, favorisce la produzione di globuli bianchi e ha un ruolo fondamentale nel rendere equilibrato il nostro sistema nervoso.

Come scrive Virginia Satir:

“Ci servono quattro abbracci al giorno per sopravvivere,
otto abbracci per mantenerci in salute,
dodici abbracci per crescere”.

Abbracciare unisce corpi, e, quindi, cuori e anime.

Non vorremmo mai lasciare andare nessuno, ma talvolta è inevitabile. Ma non dimenticate mai di abbracciare qualcuno, per nessun motivo!

Federica Giusti

Articoli dal Blog “Psico-cose” di Federica Giusti