Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO13°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 04 marzo 2021

FAUDA E BALAGAN — il Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

ALFREDO DE GIROLAMO - Dopo un lungo periodo di vita vissuta a Firenze in cui la passione politica è diventata lavoro, sono tornato a vivere a Pisa dove sono cresciuto tra “Pantere”, Fgci, federazione del partito e circoli Arci. Mi occupo di ambiente e Servizi Pubblici Locali a livello regionale e nazionale. Nella mia attività divulgativa ho pubblicato i libri Acqua in mente (2012), Servizi Pubblici Locali (2013), Gino Bartali e i Giusti toscani (2014), Riusi: da rifiuti a risorse! (2014), Giorgio Nissim, una vita al servizio del bene (2016), SosteniAMO l'energia (2018), Da Mogador a Firenze: i Caffaz, viaggio di una famiglia ebrea (2019). ENRICO CATASSI - Storico e criminologo mancato, scrivo reportage per diversi quotidiani online. Svolgo progetti di cooperazione internazionale nei Paesi in via di sviluppo. Curatore del libro In nome di (2007), sono contento di aver contribuito, in piccola parte, ad Hamas pace o guerra? (2005) e Non solo pane (2011). E, ovviamente, alla realizzazione di molte edizioni del Concerto di Natale a Betlemme e Gerusalemme. Gli autori insieme hanno curato i seguenti libri: Gerusalemme ultimo viaggio (2009), Kibbutz 3000 (2011), Israele 2013 (2013), Francesco in Terra Santa (2014). Voci da Israele (2015), Betlemme. La stella della Terra Santa nell'ombra del Medioriente (2017), How close to Bethlehem (2018), Netanyahu re senza trono (2019) e Il Signor Netanyahu (2021).

Countdown per Biden: non è un 20 gennaio qualunque

di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi - mercoledì 20 gennaio 2021 ore 10:32

Dopo giorni di tensioni parte il countdown per l'ingresso di Joe Biden alla Casa Bianca. Tra poche ore il neo presidente si insedia ufficialmente a Washington, iniziando i quattro anni di mandato. Evento atteso in modo liberatorio dalla maggioranza degli elettori statunitensi. Mentre un'altra larga fetta della popolazione, anche dopo l’assalto di Capitol Hill, continua ad invocare il proprio idolo e la sua dottrina populista.

Cala il sipario per Trump, con un probabile colpo di coda, l'impeachment per aver istigato l’attacco al Congresso. Che però per aver effetto avrà bisogno dell’approvazione dei due terzi del Senato.

La fotografia degli Stati Uniti è di una nazione spaccata geograficamente e politicamente. Culturalmente ed economicamente. I repubblicani con Trump sono diventati il partito di riferimento della provincia, degli evangelici, degli operai e dei bianchi, maschi: pistola nella fondina, nazionalisti e sfrontatamente razzisti. La base dei democratici è invece diametralmente opposta. Vive nelle grandi città, ha un livello medio alto d'istruzione, ha interesse per le tematiche ambientali e per i diritti civili. In passato tuttavia si sono dimostrati elettori incostanti, che spesso hanno preferito astenersi dal mettere la scheda nell'urna. Lo scorso 3 Novembre non è stato così, decidendo di partecipare al voto, hanno fatto pendere da un lato la bilancia, determinando l'esito finale della corsa presidenziale.

Tra le tante ragioni che hanno smosso milioni di persone convincendoli ad appoggiare Joe Biden spiccano sicuramente la critica alla gestione della pandemia e ovviamente una forte avversione a Trump. Personaggio politicamente scorretto, che a suo modo, e maniera, ha contribuito a rendere maggiormente instabile gli USA. Portando a galla le contraddizioni interne, polarizzando la società, divisa tra chi lo crede un salvatore della patria e chi una iattura universale. Due blocchi monolitici, due pseudo religioni in guerra, ciascuno con i propri canali di informazione e mezzi di propaganda: l'impero della Fox News per la destra, la corazzata della CNN per i progressisti. Serbatoi martellanti ed asfissianti di notizie, talvolta sapientemente edulcorate, altre vistosamente inventate. Ma che ben dipingono la cruda realtà del livello di scontro politico in atto. In questo contesto esplosivo il compito di Biden sarà di dare una nuova identità ad un popolo. Se non dovesse presentarsi come pacificatore delle differenti comunità rischia di cadere nell'ultima trappola lasciata dal trumpismo: l'odio. Per farlo dovrà riportare fiducia nelle aree rurali, in quelle affette dalla crisi industriale. Riabilitare il nome delle istituzioni, oggetto di lunghe campagne di discredito del suo predecessore. E allo stesso tempo dovrà impegnarsi a “convertire” i negazionisti al Covid, spronando alla vaccinazione e all'uso di semplici regole sanitarie, a partire dalla mascherina. 

Oggi, 20 Gennaio 2021, non è solo dentro uno e fuori l'altro, è la data simbolica di una nuova epoca a stelle e strisce.

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Articoli dal Blog “Fauda e balagan” di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità