Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO13°27°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 16 giugno 2024

DISINCANTATO — il Blog di Adolfo Santoro

Adolfo Santoro

Vivo all’Elba ed ho lavorato per più di 40 anni come psichiatra; dal 1991 al 2017 sono stato primario e dirigente di secondo livello. Dal 2017 sono in pensione e ho continuato a ricevere persone in crisi alla ricerca della propria autenticità. Ho tenuto numerosi gruppi ed ho preso in carico individualmente e con la famiglia persone anche con problematiche psicosomatiche (cancro, malattie autoimmuni, allergie, cefalee, ipertensione arteriosa, fibromialgia) o con problematiche nevrotiche o psicotiche. Da anni ascolto le persone in crisi gratuitamente perché ritengo che c’è un limite all’avidità.

Cambiamento climatico e realtà sostenibili

di Adolfo Santoro - sabato 27 aprile 2024 ore 09:00

Un articolo di Jane N. O’Sullivan - “Demographic Delusions: World Population Growth Is Exceeding Most Projections and Jeopardising Scenarios for Sustainable Futures” – chiarisce che stanno sragionando.

Fin dagli anni ’70 dello scorso secolo era chiaro che le cause determinanti il “cambiamento climatico” sono tre: 1) sovra-popolazione, 2) esaurimento delle materie prime, 3) tracotanza degli uomini che credono nella crescita senza limiti. Oggi è sempre più evidente che la tracotanza degli uomini e del loro PIL è senza limiti, mentre i dati di realtà dicono che il prossimo autunno per l’Italia, per l’Europa e per larga parte del mondo sarà occasione di “decrescita infelice”. È sempre più evidente che l’esaurimento delle materie prime non riguarda tanto i minerali, quanto l’acqua e la produzione di cibo, tanto che è stato ventilato un possibile futuro in cui si mangiano insetti. Ma finora ci venivano “venduti” dati un po’ rassicuranti sulla sovra-popolazione: entro qualche decennio ci sarebbe stata un’inversione dell’aumento demografico dovuto all’antropizzazione del Pianeta.

Quando John Kerry, rappresentante del governo americano per il clima, ha recentemente espresso la sua opinione secondo cui una popolazione globale di 10 miliardi sarebbe insostenibile, la cosa è stata trattata dai media come molto controversa. Tuttavia, l’opinione di Kerry è in linea con una serie di rapporti scientifici ben fondati. La controversia riflette una riluttanza a vedere la crescita della popolazione come problematica, una riluttanza che si è solo aggravata man mano che aumentano le prove che gli impatti umani sui sistemi terrestri stanno superando i limiti planetari.

Sebbene gli studi che delineano futuri sostenibili dipendano dalle proiezioni demografiche, la popolazione viene solitamente trattata come contesto di fondo, senza considerare né le implicazioni dell’imprecisione delle proiezioni, né il potenziale di interventi volti a modificare i risultati della popolazione. L’autocompiacimento circa l’espansione della popolazione umana sulla Terra da parte di chi difende in modo ideologico la Vita dell’uomo, ma non considera la vivibilità della Terra, sta mettendo a repentaglio la possibilità di evitare livelli disastrosi di cambiamento climatico e fame.

Il ruolo della crescita demografica e il potenziale influenzamento della crescita futura della popolazione spesso non vengono menzionati, anche quando l’attenzione è rivolta alla riduzione della domanda alimentare. Le regioni più vulnerabili alla carenza critica di cibo e acqua tendono ad essere quelle con densità di popolazione e tassi di crescita elevati: in queste regioni, la crescita della popolazione è un fattore molto più importante dell’insufficienza idrica e alimentare rispetto al cambiamento climatico.

Le proiezioni ingiustificatamente basse della crescita della popolazione globale creano una cultura di compiacenza e persino di antagonismo contro gli sforzi volti a ridurre i tassi di natalità. Al pubblico viene detto che la crescita della popolazione finirà ben dentro limiti gestibili, quando stiamo già sovraccaricando i sistemi planetari e siamo sulla buona strada per superare la capacità sostenibile del mondo anche con l’implementazione più radicale delle misure di sostenibilità. Ci viene detto che i tassi di fertilità stanno diminuendo rapidamente quando a livello globale sono quasi in fase di stallo. Ci viene detto che gli sforzi di pianificazione familiare volontaria erano inefficaci quando erano sorprendentemente efficaci, non solo nel cambiare i comportamenti delle famiglie in materia di fertilità, anche in ambienti rurali poveri, analfabeti, ma anche nell’innescare un circolo virtuoso di miglioramento economico, sociale e ambientale.

Un rapporto dell’UNICEF del 1992 affermava: “La pianificazione familiare potrebbe portare maggiori benefici a più persone a costi inferiori rispetto a qualsiasi altra tecnologia oggi disponibile per la razza umana”. Non è una panacea per le crisi ambientali di cui soffre oggi il nostro mondo affollato, ma è un ingrediente indispensabile in qualsiasi futuro sostenibile.

È una tragedia straordinaria che la comunità globale eviti questa opportunità, sulla base del fatto che stiamo difendendo i poveri da abomini come la politica cinese del figlio unico, invece di difendere i grandi successi della pianificazione familiare com’è avvenuto in Thailandia e Iran. Invece di emulare questi successi, ai paesi ad alta fertilità in Africa e altrove viene servito un programma insipido e inefficace sulla salute riproduttiva, in negazione dei danni causati dalla crescita della popolazione. Si suppone che metta al centro i diritti delle donne, ma di fatto ne impedisce l’emancipazione a causa della mancanza di finanziamenti e di volontà politica per i servizi di cui hanno bisogno per evitare gravidanze indesiderate e per la mancanza di un motivo chiaro per sfidare le culture patriarcali che limitano il ruolo delle donne alla maternità.

Le proiezioni sulla popolazione, come tutti gli esercizi di modellazione complessi, sono raramente messe in discussione perché i loro dettagli sono difficili da comprendere per la persona media. Tuttavia, i modelli sono validi solo quanto lo sono le loro ipotesi e i loro dati. L’attuale raccolta di proiezioni sulla popolazione globale incorpora il mito secondo cui un rapido declino della fertilità può essere ottenuto attraverso fattori socioeconomici indiretti, insieme al mito secondo cui la promozione diretta della contraccezione e delle famiglie piccole è inefficace e incompatibile con i diritti umani.

Cullati da queste fantasie, i piani per raggiungere un futuro sostenibile escludono misure demografiche. È necessario un approccio integrato nelle agende ambientali e di giustizia sociale, che riconosca il ruolo essenziale di una rapida stabilizzazione della popolazione nella mitigazione dei cambiamenti climatici, nella protezione della biodiversità, nella riduzione della povertà, nella sicurezza alimentare e nella pace mondiale. A meno che non adottiamo un approccio più proattivo per porre fine molto presto alla crescita della popolazione, perderemo la nostra ultima possibilità di evitare un mondo affamato e serra.

Questo articolo esamina invece il motivo per cui la maggior parte delle proiezioni demografiche hanno sottostimato la crescita della popolazione mondiale e le implicazioni per le azioni necessarie per realizzare società sostenibili.

Il principale fattore determinante della popolazione futura sono le scelte relative alla dimensione della famiglia. Le proiezioni demografiche di diversi gruppi di ricerca incorporano ipotesi diverse sui fattori del declino della fertilità.

Le ipotesi comuni secondo cui il declino della fertilità è guidato dal miglioramento economico, dall’urbanizzazione o dai livelli di istruzione non sono ben supportati dalle prove storiche. Al contrario, la fornitura e la promozione volontaria della pianificazione familiare hanno portato a un rapido calo della fertilità, anche nelle comunità povere, rurali e analfabete. Le proiezioni basate sull’istruzione e sul reddito come fattori determinanti del declino della fertilità ignorano la causa inversa, ovvero che la riduzione della fertilità attraverso interventi di pianificazione familiare ha consentito il progresso economico e migliorato l’accesso delle donne all’istruzione. Negli ultimi decenni, il sostegno alla pianificazione familiare è diminuito e, di conseguenza, il declino della fertilità globale ha subito un rallentamento. Le proiezioni calibrate nel corso di decenni di forte sostegno alla pianificazione familiare non hanno riconosciuto questo cambiamento e di conseguenza sottovalutano la crescita della popolazione globale. Gli scenari utilizzati per modellare futuri sostenibili hanno utilizzato proiezioni demografiche eccessivamente ottimistiche, supponendo che questi risultati si verificheranno senza misure mirate per realizzarli. A meno che non venga rapidamente ripristinata la volontà politica per i programmi volontari di pianificazione familiare, la popolazione globale quasi certamente supererà i 10 miliardi, rendendo la sicurezza alimentare sostenibile e un clima sicuro irraggiungibili.

8. Vivere in modo sostenibile con dignità per tutti

È chiaro, quindi, che la popolazione mondiale non solo deve smettere di crescere, ma deve intraprendere una lunga e costante contrazione per consentire a tutte le persone di sfuggire alla povertà e raggiungere il benessere.

In questa luce, la diffusa costernazione riguardo ai bassi tassi di natalità, ad esempio, appare una follia. I tassi di fertilità totale compresi tra 1,2 e 1,5 figli per donna dovrebbero essere accolti con favore. È improbabile che anche tassi più bassi siano universali, quindi i pochi paesi in cui si verificano possono utilizzare tassi di immigrazione modesti per moderare la diminuzione della popolazione. Anche a questi ritmi, ci vorrebbe più di un secolo per raggiungere una prosperità sostenibile.

Il declino della popolazione va di pari passo con un profilo di età più avanzata, con le coorti più numerose di persone tra i 60 e i 70 anni. Negli ultimi due decenni è emersa un’enorme quantità di letteratura che denuncia l’invecchiamento demografico come un disastro economico. Tuttavia, i paesi che si trovano in una fase di invecchiamento, con una percentuale sempre più ridotta di persone in età lavorativa, da più di due decenni, non hanno riscontrato alcuna contrazione della forza lavoro o delle entrate fiscali. Invece di un minor numero di lavoratori, questi paesi hanno visto aumentare la partecipazione alla forza lavoro e diminuire la disoccupazione in risposta alla stretta del mercato del lavoro. Questi prevedibili aggiustamenti del mercato del lavoro non vengono presi in considerazione nei modelli che prevedono la carenza di lavoratori. Come spiega Turner (2018), “in un mondo caratterizzato da un potenziale di automazione radicale, che minaccia una bassa crescita salariale e una crescente disuguaglianza, una forza lavoro in rapida crescita non è né necessaria né vantaggiosa, e un’offerta di lavoratori leggermente in contrazione può creare incentivi utili per migliorare la produttività e sostenere la crescita dei salari reali”.

La spesa nazionale per l’assistenza sanitaria e le pensioni aumenterà, ma sarà controbilanciata da una minore spesa per le infrastrutture e l’istruzione. Per molti paesi, la riduzione della dipendenza dalle importazioni di cibo ed energia apporterebbe ulteriori benefici all’economia. I decenni necessari affinché la struttura delle età cambi sono un periodo sufficiente per adattarsi, sia che ciò includa il pensionamento posticipato, lo spostamento dell’equilibrio tra pensioni pubbliche e risparmi privati, l’adeguamento dei livelli fiscali o maggiori controlli sui prezzi dei prodotti farmaceutici, per citare alcune opzioni. Nel complesso, è probabile che i benefici del declino demografico superino gli svantaggi.

Asili, scuole gratis, salario minimo, affitti calmierati per le giovani coppie

Adolfo Santoro

Articoli dal Blog “Disincantato” di Adolfo Santoro