Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:MONTEPULCIANO14°27°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 25 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Sparatoria in una scuola elementare in Texas, morti e feriti

Spettacoli giovedì 29 settembre 2016 ore 10:26

‘Gli dei di Lampedusa’ per i terremotati

L'incasso di ‘Gli dei di Lampedusa’ in scena al teatro Arrischianti nel 3° anniversario del naufragio verrà devoluto alla popolazioni terremotate



SARTEANO — La tragedia di Lampedusa avvenuta il 3 ottobre 2013 a poche miglia del porto di Lampedusa provocò 366 morti accertati e circa 20 dispersi presunti: fu la più grave catastrofe marittima nel Mediterraneo dall'inizio del XXI secolo. I superstiti salvati furono 155, di cui 41 minori.

Lo spettacolo Gli dei di Lampedusa parte da questo avvenimento per proporre l’incontro di quattro personaggi (Antigone, il Becchino, Mamma Africa e Sindbad) che si interrogano su come agire e reagire di fronte alla massa di persone che quotidianamente arriva sulle coste dell’isola, e su come trattare i morti che invece non ce l’hanno fatta.

“Quando nel 2013 ho sentito cosa stava succedendo a Lampedusa - dice l’autrice e regista Laura Fatini - ho immediatamente pensato al testo classico della letteratura greca, Antigone, e le sue riscritture moderne (Brecht, Woolf, Yourcenar, Anouilh). Lì il tema della sepoltura è centrale, come lo era adesso, a Lampedusa. Ha senso rischiare la vita dei sub, far fare loro un lavoro inumano, per ripescare i corpi di chi il mare ha seppellito, per poi dare loro sepoltura in una terra sconosciuta, straniera? Non è più naturale e rispettoso lasciare che i corpi vengano accolti in un mare che non ha confini politici e geografici, e in esso scomparire? O è più giusto e rispettoso che i corpi vengano consegnati alla terra, e pianti da voci sconosciute, ma pur sempre cariche di umanità? Senza dare giudizi o proporre soluzioni, ho scritto un testo che mette sotto una lente di ingrandimento il dramma della morte in mare prima di raggiungere la libertà desiderata”

Lo spettacolo mescola dunque testi classici e contemporanei di Erri De Luca e di Anouilh, a testimonianza di come le tematiche affrontate siano sempre al centro della vita umana.

“I miei Dei - prosegue la Fatini­- si trovano su una spiaggia al di là del tempo e dello spazio, perché è da lì che osservano tutti i viaggi e tutti i naufragi che sono avvenuti mentre gli uomini cercavano la libertà: è quindi un racconto a più voci sulla tragedia di Lampedusa, che è diventata il simbolo della trasformazione del Mediterraneo da culla a tomba della civiltà”.

Il testo e regia dello spettacolo sono di Laura Fatini, con Giulia Roghi- Antigone, Pierangelo Margheriti- Sindbad, Anna Maria Meloni- La Madre, Calogero Dimino- Il Becchino e la voce di Maria Pina Ruiu. La regista ha lavorato sui testi: “Solo andata" e "L’ultimo viaggio di Sindbad" (Erri de Luca) e "Antigone" (Sofocle- Anouilh)


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Fervono i preparativi per la manifestazione che ad agosto animerà i festeggiamenti dell'Assunzione della Beata Vergine Maria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità