comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 19° 
Domani 10°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 30 maggio 2020
corriere tv
Davigo: «L'errore italiano è stato quello di dire sempre ‘Aspettiamo le sentenze'»

Attualità giovedì 12 novembre 2015 ore 18:04

La Cia rassicura: “Extravergine senese di qualità”

La Cia invita ad acquistare l’olio extravergine d’oliva direttamente nelle aziende agricole, nei frantoi e nei punti vendita di Spesa in Campagna



VALDICHIANA — Questa volta è l’olio a finire nell’occhio del ciclone di un’indagine condotta della Procura di Torino per “frode in commercio” per sette grandi aziende nazionali dell’olio.

«E’ indubbio che si tratta di un’altra macchia per l’agricoltura italiana a danno delle aziende agricole oneste e dei consumatori – sottolinea il presidente della Cia Siena Luca Marcucci –. E’ importante però fare subito chiarezza, e ribadire che l’indagine del pm Guariniello non ha niente a che vedere con le produzioni del nostro territorio. L’olio extravergine d’oliva che le aziende senesi producono con grande passione, sacrifici e professionalità è il frutto esclusivamente del nostro territorio, dei nostri olivi e del lavoro di tante persone. La qualità e la sicurezza alimentare la garantiscono direttamente i produttori che ci mettono la faccia».

La Cia Siena aveva già “denunciato” la grande forbice dei prezzi fra un’azienda agricola senese e la grande distribuzione. Marcucci, infatti, nel 2012 aveva fatto notare la concorrenza impari, in quanto nella grande distribuzione i prezzi sono tre volte inferiori a quelli minimi di vendita che può permettersi l’azienda agricola.

«Il problema denunciato in passato – aggiunge il direttore Cia Siena Roberto Bartolini – è sempre attuale: le aziende agricole medio-piccole devono scontrarsi con un mercato ‘selvaggio’ da parte della Gdo. Ogni anno proprio nelle settimane in cui si raccolgono le olive, e nei frantoi si vende l’olio extravergine nuovo, la grande distribuzione lancia offerte promozionali che fanno sensazione verso il consumatore. Il prezzo medio per garantire un minimo di reddito all’olivicoltore è di 9 euro al litro – considerando costi di produzione di 7,70€/lt – mentre negli scaffali della Gdo troviamo olio d’oliva, genericamente ‘italiano’ con prezzi che oscillano dai 2,50-3,00€/lt. Come è possibile? E’ chiaro - prosegue Bartolini - che così il nostro sistema agricolo non può competere: mentre nella vendita diretta o al frantoio il produttore ci mette la faccia e si garantiscono qualità organolettiche elevate, sicurezza e salubrità alimentare; ci troviamo a dover fronteggiare contro prezzi del genere per un olio di cui sappiamo ben poco su origine e qualità».

7,71 euro è il costo di produzione medio per l’olio extravergine d’oliva in provincia di Siena. Durante l’anno l’azienda deve fare la fertilizzazione (concime 120 €; distribuzione 30 €); la gestione del terreno (lavorazione e due trinciature d’erba 70 €); potatura (primaverile 600€ e estiva 300€); un trattamento del costo di 100 €; raccolta per 1.400 €; trasporto delle olive e olio dall’azienda al frantoio 100 €; frangitura 600 euro; confezionamento 150 €. 

Il totale è di 3.470 euro di costi per un ettaro di oliveto dove si presuppone una produzione media di 30 quintali di olive (ad ha.) ed una resa media di olio del 15%.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità