Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:MONTEPULCIANO13°26°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo saluto a Luana, morta sul lavoro a 22 anni: applausi, palloncini e forte commozione

Attualità venerdì 19 marzo 2021 ore 15:19

Il sistema "antibrina" blinda i frutteti

Il Consorzio di Bonifica lo ha messo a disposizione già dalla fine di febbraio per aiutare le imprese agricole a difendere le produzioni dal gelo



VADICHIANA — La primavera, per adesso, è stata solo una furtiva illusione. Infatti, ancora una volta il termometro è sceso sotto i meno 4 gradi. Così, da giorni ormai le temperature rigide della notte mettono a dura prova gli alberi da frutto in piena fioritura, in uno dei distretti frutticoli più importanti della Toscana.

Nei distretti irrigui gestiti dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno è in pieno funzionamento il sistema antibrina, messo in pressione già dalla fine del mese di febbraio. L’ente infatti ha controllato e sistemato le reti con largo anticipo rispetto agli anni passati, proprio per consentire alle imprese agricole di difendere le loro produzioni da eventuali bizzarrie meteorologiche.

“L’innalzamento delle temperature diurne, a cui abbiamo assistito nelle ultime settimane ci ha infatti incoraggiato a velocizzare le operazioni per fronteggiare adeguatamente il rischio di improvvise e repentine gelate notturne”,spiega il direttore generale Francesco Lisi.

“Per le nostre colture è fondamentale il servizio anti-brina. Con l’acqua spruzzata sulle piante si forma una patina di ghiaccio che preserva il fiore, mantenendolo a una temperatura costante attorno agli zero gradi”, precisa Dante Moretti, uno dei produttori agricoli della Valdichiana, muovendosi tra le piante avvolte nel ghiaccio. “Negli ultimi anni siamo costretti a fare i conti con stagioni sempre meno definite e con cambiamenti termici più repentini. Le temperature ormai non sono amiche dell’agricoltura”.

“I cambiamenti climatici ci impongono di dilatare sempre più la stagione irrigua – conclude la Presidente del Consorzio Serena Stefani -. La distribuzione dell’acqua non è utile solo per fronteggiare i periodi siccitosi ma anche per contrastare gli effetti di gelate fuori stagione che, purtroppo rischiano di trasformarsi in una consuetudine, mettendo in serio pericolo raccolti e produzioni e, con questi, il reddito delle imprese agricole. Senza il trattamento anti-brina, i frutteti potrebbero subire danni ingenti e conseguenze pesantissime, fino alla perdita totale delle produzioni”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca