Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO11°21°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità mercoledì 13 luglio 2016 ore 16:34

Scontro fra treni: ‘Qui non può succedere’

Lo ha assicurato l'assessore regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli a margine della seduta dell'assemblea toscana



SINALUNGA — "Ci sono tratte anche nella nostra regione a binario unico: la Faentina, la Porrettana, la Lucca-Aulla, la Siena-Chiusi, la Siena-Empoli, abbiamo l'unica ferrovia regionale Sinalunga-Stia-Arezzo, ma questo non vuol dire che ci sia meno sicurezza. In Toscana abbiamo in ogni linea installati dei sistemi tecnologici di sicurezza, molto avanzati".

Poi l’assessore continua parlando della linea Sinalunga-Arezzo: "Anche nella linea regionale Arezzo-Stia e Sinalunga-Arezzo abbiamo già finanziato l'ultima tecnologia in termini di sicurezza che installeremo e che e' il sistema che e' gia' applicato dove e' in funzione l'Alta velocita".

Per Ceccarelli sono ancora da individuare le cause del frontale dei due treni in Puglia, una cosa certa è che su quella linea i sistemi di sicurezza si basano su un sistema dove il fattore umano e' determinante.

"Puo' darsi – spiega l’Assessore - che l'errore umano sia stata la causa vera dell'incidente. Cosa che in Toscana coi sistemi tecnologici installati non potrebbe succedere, ovviamente incrociamo le dita, perche' il sistema tecnologico nel momento in cui due treni sono presenti nello stesso binario in direzioni diverse blocca in maniera automatica entrambi".

All’assessore regionale fa eco il sindaco di Siena Bruno Valentini che dice: "Le ferrovie di Siena hanno un grado di sicurezza elevato per la presenza di dispositivi elettronici che fermano automaticamente il convoglio in caso di pericolo di incidenti con altri treni. Il sistema 'controllo marcia treno', sulla ferrovia Siena-Empoli, e il sistema 'supporto condotta’, sulle ferrovie Siena-Chiusi e Siena-Grosseto, arrestano il treno qualora venga superato un segnale rosso, evitando quindi gli scontri frontali, nel malaugurato caso di uno sbaglio umano”

“Ciò nonostante - spiegano Valentini e Maggi - ribadiamo con forza che il binario unico è anacronistico, perché rallenta la circolazione ed obbliga a frequenti incroci fra treni che viaggiano in senso opposto. Eventi che comunque espongono sempre a fattori di rischio pur eliminando il possibile errore umano".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tutto quello che c’è da sapere sulla seconda edizione. I luoghi, gli eventi, il premio e i principali protagonisti dei due weekend
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità