Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:54 METEO:MONTEPULCIANO18°34°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'avversario «immaginario» di Vito Dell'Aquila, ecco come si è allenato per le Olimpiadi

Attualità martedì 06 giugno 2017 ore 10:10

'In terra un cimitero di scarpe e tanto sangue'

Dario Calveri, Andrea Antonucci, Andrea Mazzerelli e Nicola Paterni
Foto di: Foto di Dario Calveri

La notte bianco-nera di Torino si è trasformata in un incubo anche per un gruppo di ragazzi sinalunghesi che ha vissuto attimi di paura



SINALUNGA — La passione per il calcio, l’affetto per la propria squadra, la gioia di vederla vincere e la rabbia di vederla perdere, la voglia di condividere emozioni vere e sincere con altri tifosi tutti uniti sotto gli stessi colori. Sentimenti questi che avrebbero dovuto prevalere sabato 3 giugno a Torino in piazza San Carlo per la grande finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, e invece quello che è prevalso nella notte torinese bianco-nera sono stati il terrore e la paura provata dalle quasi 30mila persone giunte da ogni parte d’Italia per sostenere e tifare la squadra del cuore.

“Il calcio ti emoziona, ti coinvolge e a volte ti fa perdere il contatto con la realtà, poi però succede qualcosa di brutto e nella realtà ci torni in un attimo. L'emozione diventa paura e fatichi a credere ai tuoi occhi”. A parlare così è Dario Calveri, sinalunghese, calciatore e capitano della Sinalunghese militante nel campionato di Eccellenza, che sabato 3 giugno, insieme ai suoi amici Andrea Antonucci, Nicola Paterni, Andrea Mazzerelli e un gruppo di quasi trenta senesi, si trovava in piazza San Carlo e ha vissuto quei tragici momenti.

Erano partiti da Sinalunga, Asciano, Chiusi e Siena, di buon ora per raggiungere Torino, con un carico di bandiere, magliette e sciarpe bianco-nere. Per molti non era la prima trasferta organizzata per sostenere la Juve, Dario e i suoi amici infatti si spostano spesso per sostenere la ‘vecchia signora': per la Juve, Buffon e tutti gli altri sono andati fino a Lisbona e a Dortmund e mai avevano assistito a scene aagghiaccianti come quelle in cui si sono ritrovati a Torino.

“Mentre stavamo assistendo alla partita, improvvisamente, erano da erano da poco scoccate le 22, abbiamo sentito uno strano rumori che ognuno ha interpretato a proprio modo. Da qui si sono viste scene di panico e in un attimo la gente in piazza ha cominciato a correre cercando una via di fuga” – mi spiega Dario - "Le vie però erano troppo piccole per far defluire un’enorme massa di gente in preda al panico, e di conseguenza, complice anche l’eccessiva calca che si era creata in piazza, ne è uscito un effetto domino in cui sono rimaste ferite moltissime persone”.

Dario e suoi amici una volta in salvo dietro le colonne di Piazza San Carlo hanno aiutato le altre persone in difficoltà. Alcuni ragazzi del gruppo hanno perso le scarpe e sono stati costretti a girare tutta la notte, in attesa della mattina per poterle ricomprare, a piedi nudi tra i vetri delle bottiglie rotte.

“Io e gli altri due miei amici siamo riusciti a ripararci dietro una grossa colonna che ci ha protetti dall’ondata di persone che scappava; siamo rimasti in piedi e abbiamo aiutato una mamma con un bimbo piccolo a proteggersi, mentre un uomo è svenuto tra le mia braccia per la paura. Tante persone sono cadute sui vetri che ricoprivano la piazza e molte di queste sono state sommerse da altre persone in fuga. In terra c’era un cimitero di scarpe, borse, zaini e tanto sangue. I video che passano in televisione non sono niente confronto a quello che abbiamo passato. La gente era terrorizzata”.

Per Dario, Andrea, Andrea e Nicola, dopo i primi istanti, la paura si è trasformata in rabbia, una rabbia che non c’entrava niente con la partita, con il risultato e con il calcio, ma per quello che stavano vivendo. “Anche 2 anni fa sono andato in piazza a Torino ma quella volta avevano organizzato la piazza in maniera almeno discreta, questa volta non esistevano vie di fuga, i controlli erano scadenti, le forze dell'ordine erano pochissime, le bottiglie di vetro vendute illegalmente e poi la psicosi da terrorismo ha fatto il resto”– continua Dario.

Il bilancio della terribile notte di Torino è di 1527 feriti, 3 gravi tra cui anche un bimbo. Adesso la procura di Torino ha aperto un procedimento a carico di ignoti per lesioni personali plurime anche gravissime e in una nota diffusa dice che al momento non risulta ancora individuato l'evento che ha determinato il panico della folla, e sono stati comunque recuperati e messi sotto sequestro "residui di artifici pirotecnici e generatori fumogeni" di cui "non è stato accertato l'utilizzo nella piazza".

I ragazzi sinalunghesi stanno tutti bene, non hanno riportato nessuna ferita e Dario ci tiene a dire: “Ringrazio quelli che si sono preoccupati per noi, li tranquillizzo dicendo che per fortuna almeno a tutti noi "sinalunghesi" è andata bene e non ci siamo fatti niente e mai come oggi mi ‘godo’ i più che meritati sfottò per la perdita della partita e mi ripeto che nonostante tutto il calcio è solo un bellissimo e magico gioco”.


© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Iniziativa nell'ambito del cartellone estivo "Notte sensoriali". Questa sera biglietto e fiore nei tavoli dei ristoranti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità