Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO19°34°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 20 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'abbraccio tra Schwazer e i suoi figli dopo la gara è commovente
L'abbraccio tra Schwazer e i suoi figli dopo la gara è commovente

Attualità sabato 01 ottobre 2016 ore 10:30

Bettolle scende in campo per la prevenzione

L'associazione 'Iosempredonna', con l'Amministrazione Comunale di Sinalunga, ha colorato di rosa Bettolle per il mese rosa della prevenzione



SINALUNGA — Bettolle si va ad aggiunge agli altri Comuni della Valdichiana che hanno aderito all'iniziativa promossa dall'Associazione chiancianese 'Iosempredonna' che opera per diffondere la cultura della prevenzione e sostenere donne che vivono o hanno vissuto l'esperienza del cancro al seno.

Da alcuni anni, nel mese di ottobre, 'Iosempredonna' propone di colorare di rosa le città con manufatti di lana lavorati a ferri o all'uncinetto. Questo fenomeno si chiama knitting in rosa e si sta diffondendo a macchia d'olio in tutto il mondo. Un vero e proprio movimento underground che attraverso fili di lana intrecciata cerca di invadere con dolcezza piazze, strade e monumenti, mischiandosi con l'ambiente e restituendo all'occhio umano interessanti forme d'arte.

L'obiettivo di questa nuova forma di arte urbana, pacifica ed ecologica é proprio quello di sensibilizzare sempre di più il mondo femminile alla prevenzione contro il tumore al seno.

Dal 1 ottobre, e per tutto il mese, anche a Bettolle, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Sinalunga, ai giardini di via Veneto, in Piazza Garibaldi e in parte nel Viale delle Rimembranze, sono stati installati i manufatti di maglia o all'uncinetto, rigorosamente rosa.

I manufatti realizzati sono stati in tutto più di cento, la partecipazione é stata massiccia, mani con esperienza hanno intrecciato metri e metri di filo rosa, insegnando anche a quelle meno esperte, ma accumunate tutte da un unico scopo: quello di dare un contributo per sostenere la prevenzione.

Il tumore al seno resta uno dei peggiori nemici del genere femminile, la sua incidenza é in crescita, in Toscana si registrano 4500 nuovi casi all'anno. Di controparte però negli ultimi anni la mortalità per il cancro alla mammella é in costante diminuzione. Le nuove tecnologie diagnostiche di imagino, sempre più sofisticate e precise, ci consentono di individuare lesioni in fase iniziale. In questi casi la probabilità di guarigione é di oltre il 90%.

Proprio per questo motivo la regione Toscana ha ampliato la fascia dello screening mammografico: non solo più alle donne tra i 50 ai 69 anni, come previsto in Lea di tutto il territorio nazionale, ma che quelle donne tra i 45 e i 49 e tra i 70 e i 74.


© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno