Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:MONTEPULCIANO5°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità sabato 01 ottobre 2016 ore 10:30

Bettolle scende in campo per la prevenzione

L'associazione 'Iosempredonna', con l'Amministrazione Comunale di Sinalunga, ha colorato di rosa Bettolle per il mese rosa della prevenzione



SINALUNGA — Bettolle si va ad aggiunge agli altri Comuni della Valdichiana che hanno aderito all'iniziativa promossa dall'Associazione chiancianese 'Iosempredonna' che opera per diffondere la cultura della prevenzione e sostenere donne che vivono o hanno vissuto l'esperienza del cancro al seno.

Da alcuni anni, nel mese di ottobre, 'Iosempredonna' propone di colorare di rosa le città con manufatti di lana lavorati a ferri o all'uncinetto. Questo fenomeno si chiama knitting in rosa e si sta diffondendo a macchia d'olio in tutto il mondo. Un vero e proprio movimento underground che attraverso fili di lana intrecciata cerca di invadere con dolcezza piazze, strade e monumenti, mischiandosi con l'ambiente e restituendo all'occhio umano interessanti forme d'arte.

L'obiettivo di questa nuova forma di arte urbana, pacifica ed ecologica é proprio quello di sensibilizzare sempre di più il mondo femminile alla prevenzione contro il tumore al seno.

Dal 1 ottobre, e per tutto il mese, anche a Bettolle, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Sinalunga, ai giardini di via Veneto, in Piazza Garibaldi e in parte nel Viale delle Rimembranze, sono stati installati i manufatti di maglia o all'uncinetto, rigorosamente rosa.

I manufatti realizzati sono stati in tutto più di cento, la partecipazione é stata massiccia, mani con esperienza hanno intrecciato metri e metri di filo rosa, insegnando anche a quelle meno esperte, ma accumunate tutte da un unico scopo: quello di dare un contributo per sostenere la prevenzione.

Il tumore al seno resta uno dei peggiori nemici del genere femminile, la sua incidenza é in crescita, in Toscana si registrano 4500 nuovi casi all'anno. Di controparte però negli ultimi anni la mortalità per il cancro alla mammella é in costante diminuzione. Le nuove tecnologie diagnostiche di imagino, sempre più sofisticate e precise, ci consentono di individuare lesioni in fase iniziale. In questi casi la probabilità di guarigione é di oltre il 90%.

Proprio per questo motivo la regione Toscana ha ampliato la fascia dello screening mammografico: non solo più alle donne tra i 50 ai 69 anni, come previsto in Lea di tutto il territorio nazionale, ma che quelle donne tra i 45 e i 49 e tra i 70 e i 74.


© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurato il cartellone di eventi che accompagnerà tutto il periodo delle festività. Oggi la prima performance con gli artisti del circo bianco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità