Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:48 METEO:MONTEPULCIANO12°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 03 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel villaggio di Lzyum, dove non c'è più una sola casa rimasta in piedi. Olga: «Anche il nostro liceo distrutto dai russi»

Attualità sabato 02 luglio 2016 ore 10:00

Sarteano festeggia l'Intercultura

I cittadini sarteanesi di tante nazionalità diverse si ritrovano domenica 3 luglio per condividere una momento di festa: la Giornata dell’Intercultura



SARTEANO — Nata nel nome dell’integrazione, la 'Giornata dell'Intercultura' è arrivata con successo alla quarta edizione consecutiva. 

“L’evento – osserva l’assessore comunale alle politiche sociali Luisa Gandini – regala momenti importanti, con il confronto di culture: si va dalle partite di calcio al canto corale, dalle parole di Papa Francesco ripetute in tante lingue all'incontro con chi ha vissuto persecuzione e guerra, per concludere con un momento leggero, di musica anni Sessanta. Si mettono in campo momenti che appartengono alla quotidianità di tutti, ma anche passioni, voglia di conoscersi, di stare insieme e di condividere".

Si comincia al mattino con la raccolta di immagini e testimonianze “L'impegno delle nostre associazioni nel grande mondo lontano e nel piccolo universo vicino”. Subito parte anche l’atteso torneo di calcio “Non solo europei”, quindi musica con una valenza universale in piazza “Noi cantiamo, vous chantez, let's sing all together....” a cura del Gruppo vocale "Consonanti". Momento di riflessione e condivisione poco dopo in piazza XXIV Giugno, con l’enunciazione in tante lingue della domanda posta da Papa Francesco: “Come fare in modo che l'integrazione diventi vicendevole arricchimento, apra positivi percorsi alle comunità e prevenga discriminazione, del razzismo, del nazionalismo estremo o della xenofobia?”.

Nel pomeriggio, sempre alla sala mostre, un incontro speciale, con Françoise Kankindi, presidente dell’associazione “Bene Rwanda”, sul tema: “Abbattiamo le barriere dell'indifferenza”. Poi arriva il momento della musica, da condividere tutti insieme in piazza XXIV Giugno: “Suonare, cantare e ballare viene meglio se lo facciamo tutti insieme, noi cittadini del mondo”, con il complesso "I Rivelati".

“Un ringraziamento particolare da parte del Comune – aggiunge il sindaco Francesco Landi - va alle associazioni che si sono prodigate nell'organizzazione dei diversi momenti della Giornata: Auser, Mani amiche, la Bottega del commercio equo e solidale, la Misericordia, il circolo La Costa di Piazza, il gruppo vocale Le Consonanti, ed anche a tutti i singoli cittadini che si sono resi attivi per questa importante occasione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore nell'area provinciale non si sono verificati ulteriori decessi imputabili al virus. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità