Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:11 METEO:MONTEPULCIANO22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: gli spari e gli studenti in fuga dalla finestre

Attualità domenica 13 dicembre 2020 ore 13:11

​Rimossa la latrina alla turca della "discordia"

L'opera dell'artista aretino Lelli è stata esclusa dalla mostra I Mille di Sgarbi a Castiglioni. Rischiato l'incidente diplomatico con Ankara



CASTIGLION FIORENTINO — Ha rischiato di diventare un caso internazionale. Un incidente diplomatico nella triangolazione Castiglion Fiorentino, Roma e Ankara. Il caso è quello dell’opera selezionata per la mostra I Mille di Sgarbi, inaugurata ieri dal critico d’arte e dal sindaco Mario Agnelli. 

Una mostra aperta e subito chiusa per le disposizioni nazionali anti-Covid che rendono off limits musei ed esposizione. L’opera dell’artista aretino Paolo Lelli è stata rimossa stamani dalla sezione espositiva allestita nel complesso del sistema museale castiglionese. 

L’artista aveva dipinto di rosso il bagno alla turca e disegnato ai lati una stella a cinque punte e la mezzaluna, due simboli della bandiera nazionale turca. Pare che proprio dalla Turchia siano arrivate a Roma le rimostranze di alte sfere governative che non hanno apprezzato la creatività dell’artista aretino. Da ieri si sono susseguite una serie di telefonate con autorità locali, Sgarbi e rappresentanti di governo ai quali sarebbe arrivata l’irritazione del governo turco per l’opera ritenuta una “provocazione”.
Da Roma è stata manifestata al critico d’arte “preoccupazione per il clima di tensione”, di qui la decisione di Sgarbi, d’intesa con gli organizzatori della mostra e il sindaco Mario Agnelli, di ritirare l’opera. 

L’autore sorpreso da tanto clamore commenta: “Condivido anch’io la scelta di ritirare l’opera: non pensavo che un’allusione ironica potesse scatenare questo putiferio”. Fine della storia? Non proprio perché l’amministrazione comunale di Castiglion Fiorentino ha deciso di invitare ufficialmente l’ambasciatore turco in Italia a visitare l’esposizione.
“Aderiamo alla decisione di escludere l’opera da quelle in esposizione anche se l’amministrazione comunale ha solo messo a disposizione i locali per la kermesse, interamente curata e organizzata dall’associazione Lo Stato dell’Arte”, commenta l’assessore alla Cultura Massimiliano Lachi che, tuttavia, si sofferma su un ragionamento culturale più ampio. “Abbiamo invitato l’ambasciatore turco in Italia nella nostra città affinchè questa vicenda possa diventare momento di riflessione sull’arte e la sua funzione non solo culturale ma anche sociale. Un’occasione di confronto sul fatto che l’arte possa essere anche provocazione. Ci sono tantissimi esempi di opere d’arte sul cui contenuto intrinseco si è discusso a lungo e si continua a farlo oggi”.
Lachi aggiunge: “Sarebbe davvero una bella opportunità anche per un ragionamento sul popolo turco e sui diritti umani”. Non a caso la mostra I Mille di Sgarbi che avrebbe dovuto concludersi a marzo, è stata prorogata al 2 giugno.

Sgarbi nei giorni scorsi aveva postato sul suo profilo Facebook l’opera “della discordia” riferendo di aver ricevuto “insulti e minacce”. Oggi spiega: “In quella scultura c’era solo un calembour, un banale gioco di parole, solo ironia. Non era certo una dichiarazione di guerra, men che meno un attacco al governo turco o all’Islam. C’è stata una evidente strumentalizzazione alla quale non intendiamo prestare il fianco. A riprova di ciò ho chiesto al sindaco d’invitare in città l’ambasciatore turco in Italia per il prossimo marzo. Non potrà certo essere una opera d’arte a incrinare i rapporti tra Italia e Turchia, paese, peraltro, che amo”. 

Caso chiuso? Chissà. 

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità