QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi -0°7° 
Domani 3° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 16 dicembre 2018

Attualità sabato 08 ottobre 2016 ore 15:07

'Azioni mirate per limitare la presenza dei lupi'

presidente Cia Siena Luca Marcucci

Dopo l'ultima strage di pecore avvenute a Radicofani ai danni di due aziende agricole, la Cia Siena chiede azioni per una soluzione al problema



RADICOFANI — ttacchi di predatori in due aziende agricole di Radicofani negli ultimi giorni

Strage di pecore in Val d’Orcia. Allevatori esasperati non hanno dubbi: «Si tratta di lupi». E le aziende chiudono

Il grido di allarme della pastorizia: "Il lupo è protetto, mentre pastori e pecore non le difende nessuno. Aiutateci!".

In totale una decina le pecore morte ed altre disperse, per qualche migliaio di euro di danni, oltre alla mancata produzione di latte che le stesse pecore avrebbero prodotto durante l’anno, è il bilancio di due aziende agricole in Valdorcia attaccate dai lupi.

«Di fronte a questi ripetuti attacchi – afferma Luca Marcucci, presidente Cia Siena -, gli allevatori vedono messa a repentaglio la loro attività. Occorre insistere con azioni mirate a limitare la presenza dei lupi, canidi ed ibridi nelle nostre campagne. I nostri agricoltori ed allevatori non ce la fanno più, sono esasperati».

«Ci vogliono interventi risolutivi – aggiunge Roberto Bartolini, direttore Cia Siena - per quello che ormai rappresenta una vera e propria piaga economica per il settore rurale. È urgente difendere il reddito degli agricoltori, messo a rischio dai predatori. Questa situazione sta creando un grosso danno all’economia del territorio. Le nostre aziende sono allo stremo, molte stanno chiudendo».



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Cronaca