Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO-4°4°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 09 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo: Morandi, Ranieri e Al Bano fanno cantare l'Ariston

Attualità venerdì 22 gennaio 2016 ore 12:14

L’aglione della Chiana, prodotto dalla tradizione

Aglione della Chiana raccolto 2014
Foto di: La Valdichiana.it

Proprio per tutelare questa tradizione Slow Food promuove le Comunità del cibo, perosne che promuovo, trasformano e distribuiscono cibo di qualità



MONTEPULCIANO — Qualità intesa come sostenibilità e forti legami con il territorio dal punto di vista storico, sociale e culturale con ad esempio l'aglione della Chiana. 

L'aglione della Chiana è un prodotto antichissimo, di grandi dimensioni e dal gusto estremamente delicato. Negli ultimi decenni, complice anche l'industrializzazione del dopoguerra, era quasi scomparso; recentemente è stato felicemente recuperato da pochi lungimiranti produttori nella vallata del comune di Montepulciano.

La sua area di coltivazione è la Valdichiana bonificata durante il periodo fiorentino compresa nei comuni senesi di Montepulciano, Torrita di Siena, Sinalunga, Chiusi e in quelli aretini di Foiano della Chiana, Cortona, Lucignano, Marciano della Chiana, Civitella in Valdichiana, Monte San Savino, Castiglion Fiorentino ed Arezzo.

Condotta Slow Food Montepulciano-Chiusi, domenica 31 gennaio, celebra la nascita della Comunità del Cibo mettendo sotto tutela come primo alimento proprio l'aglione e lo fa con un convegno presso "I Chiari" di Montepulciano dove interverranno Daniela Filippi, fiduciaria della Condotta e di Slow Food Toscana, Franco Boschi dell'associazione culturale "Gens Valia" di Valiano, i produttori e i cuochi dell'alleanza Slow Food.

Anche la società Qualità e Sviluppo Rurale per tutelare questo prodotto, insieme ad un gruppo di produttori, ha iniziato a predisporre la documentazione da presentare alla Regione Toscana per la sua iscrizione del prodotto nell'elenco della Regione Toscana, e intraprenderà studi genetici, chimici ed agronomici, per giungere ad una conoscenza maggiore e di selezione di questa coltura. La società inoltre organizzerà iniziative di informazione e formazione oltre ad azioni di promozione del prodotto in tutta l'area di produzione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno