Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO20°37°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Spettacoli martedì 01 dicembre 2015 ore 09:15

Appuntamento al Poliziano con Si gira!

Foto di: Cristina Andolcetti

Venerdì 4 Dicembre al via la stagione del Teatro Poliziano con il nuovo spettacolo diretto dal regista e drammaturgo Stefano Massini



MONTEPULCIANO — Appena nominato al Piccolo di Milano al posto di comando che fu di Luca Ronconi, Stefano Massini, regista e drammaturgo, guida la compagnia Arca Azzurra Teatro per mettere in scena uno spettacolo liberamente tratto dai "Quaderni di Serafino Gubbio Operatore", romanzo in cui Luigi Pirandello traccia un ritratto straordinariamente vero del suo rapporto, non proprio idilliaco, con la nascente industria cinematografica italiana.

Si gira! è tutto ambientato tra le stravaganze felliniane di un set alle prime armi, tra dive alla Almodovar e squarci da Ernst Lubitsch, il racconto tratteggia un Novecento ancora da costruire, ma già fiero in culla del suo essere il secolo della cineproiezione. Massini delinea così la sua interpretazione di un classico della letteratura, particolarmente illuminante anche ai giorni nostri.

"Quanta verità in questo romanzo meno noto del futuro premio Nobel. Quanta sorpresa nell’indagare queste pagine come un lucidissimo prologo del nostro tempo attuale. E quanto coraggio nella stessa penna dell’autore, anche qui smaliziato nell’allungare lo sguardo su un futuro allora solo immaginabile, ed oggi puntualmente rivelatosi reale” – dice Massini.

È come se si scaldassero i motori e solo noi sappiamo a posteriori l’esito della folle corsa. Per cui non ci resta che assistere stupiti alla turbata vicenda umana di un Charlie Chaplin nostrano, destinato a perdere l’identità di uomo per divenire occhio, obiettivo e diaframma di una gigantesca cinepresa. Serafino Gubbio: forse la prima vittima sull’altare della cine-follia.” - conclude il regista.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno