Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO20°37°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità martedì 22 novembre 2016 ore 18:54

Tra i finalisti di ‘Tagete 2016’ anche un savinese

Matteo Aguzzi
Foto di: pagina facebook Matteo Aguzzi

Si chiama Matteo Aguzzi è di Monte San Savino e con il suo saggio ‘La villa in collina. Frammenti di storia" è tra i finalisti del concorso letterario



MONTE SAN SAVINO — La premiazione della XVIII edizione del Concordso Letteraro ‘Tagete 2016’ è fissata per il prossimo 24 novembre presso la Sala dei Grandi di Arezzo.

Il titolo completo del libro è "La villa in collina - Frammenti di storia tra Serarmonio, Monte San Savino e la Toscana (XVII-XX secolo)" ed è l'esordio letterario di Aguzzi, un libro che narra la storia di una chiesa rurale in Toscana, dell'ascesa di una famiglia della borghesia di Monte San Savino e di un episodio della Resistenza in Valdichiana. Ma è anche una storia sul trascorrere del tempo, sull'ambizione, sull'amore, sul declino, sull'eroismo, sulla vita e sulla morte. E' la storia di Serarmonio e di coloro che animarono questo luogo.

Nella prefazione del libro, a cura di Renato Giulietti, è spiegato come l’autore partendo da un archivio pubblico sia riuscito a ricostruire le vicende, descrivendone i particolari, delle famiglie Maffei, Sozzini, Angelici, Pate.

Il libro è dedicato da Matteo alla moglie Monia e al figlio Giovanni e collega i principali 'momenti' del passato di Serarmonio al contributo storico nel quale ciascuno di essi si è stabilito. Il cerca di arricchire in qualche modo la storia locale della comunità savinese.

Il Premio Tagete è il prestigioso concorso letterario aretino e la competizione è aperta non solo a nati o residenti ad Arezzo e Provincia, ma anche all’esterno. Le opere presentate devono tassativamente trattare di temi inerenti al territorio aretino e possono concorrere in diverse sezioni: poesia, narrativa (compresi testi teatrali), saggistica, opere in vernacolo aretino e musica.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno