Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:MONTEPULCIANO10°20°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arrivo del peschereccio Aliseo a Mazara del Vallo

Attualità lunedì 29 marzo 2021 ore 14:00

Paesaggi rurali storici, l'imperativo è fare rete

La tutela del territorio è in primo piano. E' stato fatto il punto stamani nel webmeeting con sindaci, tecnici, docenti universitari e Ministero



LUCIGNANO — Il Ministero per le politiche agricole e forestali ha istituito il Registro nazionale dei Paesaggi rurali storici. La bellezza, l’armonia e la storia dei territori toscani sarebbero già un perfetto viatico per entrare a farne parte quasi ‘di diritto’. 

Un riconoscimento che in effetti vede già iscritti molti Comuni toscani, che altri vorrebbero o sono in procinto di ottenere, e che è stato al centro del webmeeting di stamani organizzato da Anci Toscana nell’ambito del programma “Conosciamo la Toscana rurale”. Un incontro molto partecipato a cui hanno preso parte sindaci, amministratori, tecnici e docenti universitari, tra i quali il professor Mauro Agnoletti, coordinatore Scientifico del Catalogo Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici.

Ad emergere è stata soprattutto la volontà comune di condividere azioni e programmi, come ha sottolineato da subito la sindaca di Lucignano Roberta Casini, responsabile Agricoltura di Anci Toscana: "E' ora di creare una rete tra i Comuni iscritti al Registro nazionale, per declinare nelle varie politiche quello che non è solamente un riconoscimento. E’ necessario acquisire un peso politico di rilievo in vista della prossima programmazione, coinvolgendo tutti i soggetti del territorio, a partire dalle aziende”.

Dello stesso parere è Luciano Petrucci, sindaco di Semproniano, che ha messo l’accento sulla necessità di finanziamenti per intervenire e contrastare lo spopolamento; mentre per Paolo Sottani, sindaco di Greve in Chianti “è fondamentale fare sinergia con gli altri paesaggi registrati: il nostro paesaggio rurale storico di Lamole ha un'estensione di 700 ettari di cui 300 occupati da terrazzamenti, che con lo spopolamento hanno rischiato di scomparire". 

Roberto Machetti, sindaco di Trequanda, ha detto che i territori hanno bisogno di riconoscimento ma anche di supporto e di collaborazione per ottenere risultati; e Federico Ignesti, sindaco di Scarperia San Piero ha evidenziato come "una rete di paesaggi storici potrebbe spendersi in vista della nuova programmazione comunitaria e anche del Recovery Fund".

Per la Regione Toscana, Marco Minucci ha ricordato che “Il PSR ha previsto nell'attuale programmazione diversi interventi di tutela del paesaggio; in futuro, magari anche con Anci, bisognerebbe rinforzare i partenariati e aiutare i soggetti di un dato territorio a partecipare”. 

Ed infine Mauro Agnoletti, che per il Ministero ha sottolineato come "oggi per fortuna possiamo contare sulla consapevolezza diffusa tra amministratori e imprenditori del paesaggio come elemento da tutelare, come ricchezza che ci rende competitivi”.

E su questa strada, è stata l’unanime conclusione, dobbiamo impegnarci e fare rete.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sindaco Agnelli non sente ragioni e vuol far chiarezza sulla vicenda. Tutta la collezione del noto prelato, timbrata e schedata, è in Biblioteca
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità