Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:MONTEPULCIANO18°26°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Francia, Macron colpito da un uovo a Lione: contestatore centra il presidente

Attualità lunedì 18 gennaio 2021 ore 16:47

Nucleare, "Si rivalutino i siti candidati"

In attesa del consiglio dell'Unione dei Comuni della Valdichiana Senese di questa sera, l'Anci tiene alta l'attenzione con le parole di Roberta Casini



LUCIGNANO — E' in programma questa sera la seduta straordinaria del consiglio dell'Unione dei Comuni della Valdichiana senese sull'ipotesi di un deposito nucleare a Trequanda

Intanto, sull'argomento riprende posizione Roberta Casini, sindaco di Lucignano e referente Anci Toscana per l'Agricoltura, esprimendo il netto parere negativo dell'associazione sulla scelta dei siti candidati.

"La pubblicazione dell’avviso 'Consultazione pubblica per l’avvio della procedura per la localizzazione, costruzione ed esercizio del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico, ex D.Lgs n. 31/10', avvenuta lo scorso 5 gennaio da Sogin, soggetto responsabile per lo smaltimento definitivo dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico, ha portato all’individuazione, in Italia, di 67 aree potenzialmente idonee alla realizzazione , di cui due in Toscana tra Pienza e Trequanda nella provincia di Siena e Campagnatico nella provincia di Grosseto - scrive la sindaca - Anci Toscana, dopo aver avuto un confronto con i sindaci delle aree interessate, le rappresentanze territoriali dei diversi settori economici presenti, nonché aver condiviso la contrarietà della Regione Toscana, manifestata in primis dal Presidente Eugenio Giani e dal Consiglio Regionale con una mozione votata all’unanimità, esprime forte preoccupazione e disappunto per la scelta delle zone individuate. In particolare, si tratta di siti tutelati, di elevato pregio, sia da un punto di vista naturalistico che paesaggistico, dove lo sviluppo delle attività economiche è incentrato sulla sostenibilità ambientale".

Tutta questa area è caratterizzata da borghi storici, centri abitati, paesaggi rurali storici, siti UNESCO, siti archeologici, aree naturali, attraversati da una viabilità che non può essere ampliata o adeguata ad un inevitabile, continuo e costante passaggio di mezzi pesanti per il trasporto del materiale radioattivo. La carenza di infrastrutture viarie e di servizi con i principali centri urbani rappresentano un valore aggiunto della ruralità e del pregio ambientale di aree incontaminate e di forte caratterizzazione produttiva. 

Sull’intero territorio insistono produzioni agroalimentari e vitivinicole di pregio, riconosciute in tutto il mondo che identificano la tradizione toscana. Numerose Dop, DOCG e IGP, presidi slow food, PAT provengono proprio da questi territori dove la cultura agricola rappresenta una delle principali vocazioni produttive, insieme al turismo. Questa parte di Toscana, proprio per le caratteristiche sopra evidenziate, traina il settore turistico della regione abbinando le bellezze storico artistiche presenti sui diversi comuni a quelle ambientali e produttive. L’enogastronomia di questi luoghi rappresenta una parte rilevante di economia toscana. 

"Questi elementi pertanto, non possono coesistere con la realizzazione di un Deposito di rifiuti nucleari, sia per la pericolosità e la compromissione di un intero comparto economico locale, sia per la carenza di infrastrutture e servizi adeguati ad accogliere una struttura di queste caratteristiche - continua Roberta Casini - L’eventuale realizzazione del deposito contrasterebbe con gli investimenti territoriali rivolti alla sostenibilità ambientale, alla valorizzazione delle produzioni d’eccellenza e dei prodotti tipici, nonché del turismo e della tutela dei paesaggi rurali, a tutte quelle azioni che a livello europeo, nazionale e regionale sono state alla base delle politiche di sviluppo di questi anni. La coerenza delle scelte intraprese, che hanno connotato fortemente queste aree, non può essere pregiudicata da una potenziale opera che pare essere del tutto estranea alle vocazioni territoriali".

Per questi motivi, Anci Toscana esprime contrarietà e chiede alle autorità preposte di rivalutare l’idoneità di questi luoghi alla luce delle condizioni socio ambientali presenti. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prossima seduta dell'assise cittadina giovedì 30 settembre con dieci punti all'ordine del giorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Elezioni

Attualità