Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:MONTEPULCIANO8°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Cronaca martedì 28 aprile 2015 ore 13:55

I lupi non hanno più paura degli uomini

L’azienda Ciacci è stata assalita, nel giro di due giorni, da un branco di lupi che ha ucciso sei pecore, un agnello e un vitello di razza chianina



RADICOFANI — Dopo l’azienda agricola del signor Mori di San Casciano, i lupi tornano a devastare allevamenti e aziende agricola. È di oltre 6mila euro la stima del danno subito dall’azienda Ciacci, il cui proprietario dice: “Era solo questione di tempo questi lupi ormai non hanno più paura dell’uomo e si avvicinano sempre più agli allevamenti e alle abitazioni. Siamo in attesa delle recinzioni antilupo ma il problema riguarda ormai anche i pascoli, dove i nostri capi sono costantemente a rischio”.

Sul fatto interviene anche Luca Marcucci il presidente della Cia Siena: “Bene l’accordo regionale sottoscritto per il monitoraggio della situazione e la risoluzione del problema lupo, ibridi e canidi. Positiva anche la possibilità di indennizzo con le risorse messe a disposizione dalla Regione Toscana, ma il problema rimane tale e occorre insistere con azioni mirate a limitare la presenza dei lupi, canidi ed ibridi nelle nostre campagne. I nostri agricoltori ed allevatori vogliono interventi risolutivi per quello che ormai rappresenta una vera e propria piaga economica per il settore rurale”.

“Riconoscere i danni subiti dalle aziende non è più sufficiente – aggiunge il direttore Cia Siena Roberto Bartolini – è necessario mettere in campo azioni forti ed immediate di prevenzione. Bisogna riuscire ad evitare il danno, non solo a risarcirlo. Gli allevatori hanno tutto il diritto di essere tutelati per continuare a lavorare e garantire un reddito a se stessi ed alle loro famiglie come previsto della Costituzione Italiana. Adesso sono costretti a chiudere le loro attività e questo è inaccettabile ed è bene che tutta la società e la politica ne prendano piena coscienza”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo negozio di 70 metri quadri, è il quarto in Toscana della maison che punta all'ampliamento della rete di distribuzione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità