Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:MONTEPULCIANO11°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la disperazione degli abitanti di Casamicciola: «Qui è un macello...»

Politica lunedì 27 aprile 2015 ore 15:10

Bezzini interviene su caccia e gestione fauna

Il candidato PD presenta le sue proposte sulla caccia e la gestione della fauna che da qualche anno si stanno registrando tensioni e polemiche



VALDICHIANA — “Le difficoltà esistono realmente e sono rilevanti: il problema va affrontato seriamente, in modo concreto e al più presto - afferma Simone Bezzini - Sul fronte degli ungulati la situazione è molto critica: danni, incidenti, impatto sull'ambiente delle tecniche di prevenzione (come il dilagare delle recinzioni), costi e burocrazia crescenti per le imprese agricole sono solo alcuni dei problemi. Di fronte a questa situazione in molti chiacchierano e fanno propaganda, ma in pochi si adoperano per risolverla. Alcuni poi cavalcano il malessere per interesse personale, senza provare ad affrontare i nodi nello specifico”.

“Nell'agosto del 2012 da presidente della provincia mandai una lettera ai ministri dell'Agricoltura e dell'Ambiente, al presidente della Regione e all'assessore regionale alla caccia. Nella lettera si denunciava il rischio che i cambiamenti delle norme regionali e nazionali avrebbero creato una situazione esplosiva soprattutto sul fronte del contenimento degli ungulati. Questo allarme è stato sottovalutato da istituzioni e forze politiche e si è pensato che il problema fosse il mal funzionamento e la rigidità di qualche ufficio. Non si è voluto comprendere l'impatto negativo di alcune norme sul nostro territorio - prosegue Bezzini - Cinghiali e caprioli: i rappresentanti delle istituzioni regionali e nazionali, pur avendoli chiamati più volte, non hanno voluto affrontare nel merito la questione. Hanno scaricato tutta la tensione sugli enti locali, sugli Atc e sulle associazioni”.

Ma Bezzini non si limita a radiografare il problema e guarda al futuro: “Per prima cosa va avviato il lavoro per il nuovo piano faunistico regionale, che dovrà fare i conti in modo radicale con il nuovo quadro normativo, con il nuovo modello di governance e con la necessità di costruire un nuovo equilibrio tra la pratica venatoria, il mondo agricolo e la tutela dell'ambiente. Va costruito un nuovo orizzonte evitando di andare avanti con rattoppi e mezze misure”.

Sulle cose da fare, Bezzini sottolinea: “Ci sono alcune questioni urgenti in particolare per ridurre danni agricoltura che vanno affrontate in modo condiviso. In primo luogo, occorre un quadro normativo che orienti l'Ispra verso un indirizzo di reale contenimento di specie come il capriolo superando le assurde modalità operative attualmente in vigore. Per il cinghiale, inoltre, bisogna consentire l'uso dell'art. 37 in forma collettiva in aree come le zone di ripopolamento e cattura eliminando i vincoli burocratici attualmente esistenti. Dev'essere chiaro che per arrivare a ciò servono leggi diverse a livello regionale e nazionale altrimenti gli uffici locali continueranno ad avere le mani legate. In secondo luogo, va definita dalla Regione Toscana una modalità omogenea e semplificata per il trattamento delle carni derivanti dagli abbattimenti. Infine, servono misure più incisive per prevenire i danni prodotti da lupi, canidi e ibridi agli allevamenti. Quanto fatto dalla Regione nei mesi scorsi è importante, ma non sufficiente” dichiara Simone Bezzini.

“Sul piano delle politiche venatorie e di gestione della fauna bisogna cambiare verso davvero passando dagli slogan facili ai fatti e abbandonando la logica dello scarica barile che ha imperato in questi anni” conclude il candidato al Consiglio Regionali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco il nuovo allestimento della rotatoria di via dei Mori a cura della Cortona Doc che testimonia l'identità del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità