Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:57 METEO:MONTEPULCIANO14°26°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Cronaca venerdì 12 marzo 2021 ore 14:54

Presunto sversamento di liquame alle Chianacce

Sul posto il personale di Arpat, coadiuvato dai Carabinieri Forestali. Indagini in corso. E' partito tutto dalla segnalazione di un cittadino



CORTONA — Lo scorso 6 marzo, due operatrice del dipartimento Arpat di Arezzo, attivate dalla Sop, hanno effettuato una ispezione per svolgere accertamenti in merito ad una segnalazione di torbidità delle acque nella Reglia Allacciante di Destra, in località Chianacce, nel comune di Cortona, dovuta presumibilmente a sversamento di liquame suinicolo. Sono intervenuti sul luogo anche i Carabinieri Forestali della stazione di Cortona.

Il controllo, iniziato dal punto segnalato da un cittadino, ha permesso di verificare la presenza di acque scure, con lieve odore tipico di liquame suinicolo. Nel corso del sopralluogo, si è ripercorso a ritroso il canale, vedendo che le acque presentavano caratteristiche omogenee fino ad un certo punto, in prossimità della chiesa delle Chianacce, dove si trova l’inserzione di un fosso, Reglia delle Chianacce, le cui acque presentavano un flusso consistente al momento dell’ispezione e caratteristica di torbidità rilevata anche nella Reglia Allacciante di Destra. A monte di tale confluenza, l’acqua dell’Allacciante di Destra, invece, era chiara, tanto da permettere di vedere il fondo del canale.

Le operatrici intervenute sul luogo, dopo essere risalite, per circa 500 metri, lungo il percorso della Reglia delle Chianacce, hanno deciso di spostarsi direttamente verso località Farneta, per controllare lo stato delle acque nella zona di origine della Reglia della Contea, in considerazione anche della presenza, nella zona, di un allevamento suinicolo e di terreni utilizzati per lo spandimento degli effluenti zootecnici.

In questa area, è stato possibile visionare un tratto di circa 700 metri della Reglia della Contea, in cui erano ancora percepibili tracce di acque scure, presumibilmente riconducibili a liquami, ad una distanza di circa 6 chilometri dal punto segnalato dal cittadino. Al momento dell’ispezione, nei campi sovrastanti la Reglia non erano in atto spandimenti di liquami. Per stabilire l’effettiva contaminazione delle acque sono stati prelevati 2 campioni.

E' stata quindi ricostruita la complessa rete di canalizzazione presente nella zona ispezionata anche grazie alla conoscenza e il supporto dei Carabinieri Forestali, verificando che la Reglia delle Chianacce ha una lunghezza di circa 2,35 chilometri ed è originata dalla congiunzione della Reglia della Contea con la Reglia del Mulinaccio. La Reglia della Contea nasce dalla zona catastalmente indicata “La Contea” posta vicino a Farneta, mentre la Reglia del Mulinaccio che scorre in direzione opposta, verso Cignano, fino ad incontrare la linea alta velocità della ferrovia Firenze – Roma, ha origine oltre il nucleo abitato di Borgonuovo.

Infine, in attesa dei risultati analitici, le operatrici intervenute hanno avviato indagini per avere informazioni in merito alla utilizzazione di effluenti zootecnici da parte delle aziende che gravitano nella zona.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Raggiravano i malcapitati rifilandogli prodotti scadenti e svuotando loro il portafogli. Beccati e denunciati dai Carabinieri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Elezioni