Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:MONTEPULCIANO10°20°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Aliseo, «I libici hanno sparato sul peschereccio per uccidere»

Attualità martedì 03 novembre 2020 ore 16:50

Meoni non vuole l'ospedale Covid alla Fratta

Il sindaco di Cortona mette le mani avanti e ipotizza anche un'iniziativa di protesta popolare. "Una porzione sì, tutto no"



CORTONA — La pandemia avanza, Regione e Asl cercano soluzioni per reggere all'emergenza sanitaria. Gli ospedali preposti per i pazienti Covid si stanno riempiendo e così l'Azienda sanitaria cerca alternative e soluzioni.

In questo scenario sono tante le voci che circolano. Le ipotesi si moltiplicano. Una di queste è legata al futuro della Fratta che qualcuno ha ipotizzato potesse diventare ospedale Covid.

Come premesso, di certo non c'è niente ma solo "chiacchiere" di corridoio.

Meoni mette le "mani avanti" e sgombra il campo da equivoci. "No all'ospedale Covid alla Fratta".

Il sindaco di Cortona accetta che parte del presidio possa essere destinato a pazienti con il virus ma è  totalmente contrario alla riconversione totale dell'ospedale della Valdichiana.

"Un conto è riservare, come era stato preannunciato alcuni mesi fa, una piccola ala del nostro ospedale - 6-8 posti letto - peraltro individuata al piano terra e isolata dal resto della struttura, all’assistenza ai pazienti affetti da Coronavirus; altra cosa, invece, è ragionare su una possibile copertura totale.

Destinare l’ospedale della Fratta esclusivamente alla cura dei pazienti affetti da Covid 19– prosegue Meoni - sarebbe la morte dello stesso ospedale. La vastità del territorio che fa riferimento a esso, comprendente i comuni di Cortona, Castiglion Fiorentino, Marciano della Chiana, Foiano della Chiana e Lucignano, è sotto gli occhi di tutti. I cittadini del comprensorio vedono nell’ospedale Santa Margherita l’unico punto di riferimento.

Per quanto mi riguarda - conclude Meoni - come sindaco di Cortona e presidente della conferenza dei sindaci della Valdichiana aretina, mi farò valere in tutte le sedi opportune affinché questa paventata soluzione non sia attuata nel nostro ospedale e non escludo iniziative di protesta popolare nei confronti di chi ha il vizio di non ascoltare i territori".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sindaco Agnelli non sente ragioni e vuol far chiarezza sulla vicenda. Tutta la collezione del noto prelato, timbrata e schedata, è in Biblioteca
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità