Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:48 METEO:MONTEPULCIANO11°21°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Strage allo stadio di Malang (Indonesia): 182 morti dopo l'invasione di campo

Attualità martedì 26 luglio 2016 ore 12:11

I servizi cimiteriali preoccupano M5S

In questi giorni si sta svolgendo la gara per l'individuazione di un socio privato per Cortona Sviluppo, società controllata dal Comune di Cortona



CORTONA — La gara in questione è stata bandita dall'amministrazione cortonese su mandato del Consiglio Comunale ed ha un doppio oggetto tra le sue finalità:i partecipanti dovranno presentare 2 offerte distinte. La prima offerta riguarda l'acquisto di parte del capitale sociale di Cortona Sviluppo, mentre la seconda offerta riguarderà la gestione dei servizi che verranno svolti dalla partecipata, come la gestione del centro convegni di Sant'Agostino, il mattatoio comunale nonché i servizi cimiteriali che sono stati affidati alla Cortona Sviluppo dall'amministrazione cortonese a partire dal Luglio del 2015 con una semplice determina dirigenziale senza che venisse svolta nessuna gara pubblica, come legge prevede nei casi di completa proprietà pubblica della società a cui vene fatto l'affidamento.

A tal proposito il Movimento 5 Stelle esprime il suo punto di vista e dice: “Puntualizzando anche il fatto che da quando è stato approvato il nuovo regolamento di polizia mortuaria e i servizi cimiteriali sono stati dati in gestione alla Cortona Sviluppo, si è verificato uno spropositato aumento dei costi per le prestazioni rese agli utenti per gli stessi servizi, in alcuni casi si notano addirittura importi triplicati rispetto a quanto invece veniva chiesto prima.

Va detto che i costi notevolmente più bassi applicati in precedenza per i servizi tanatologici , potevano derivare molto probabilmente da una gestione diretta da parte del Comune di Cortona fatta in maniera molto "casereccia" servendosi in maniera impropria di soggetti "terzi" che peraltro non avrebbero dovuto in alcun modo operare all'interno dei cimiteri comunali, e che quindi un adeguamento dei prezzi poteva essere necessario, tuttavia questo aumento ci pare spropositato e non ci sembra giustificabile in alcun modo con la qualità del servizio reso ai cittadini, ritenendo che tali costi avrebbero potuto e dovuto subire un aumento molto più modesto oltre che essere modulati in maniera più attenta alle esigenze dei cittadini, trattandosi di un servizio di pubblica necessità che viene svolto in regime di monopolio come lo sono parimenti il servizio idrico e la gestione dei rifiuti”.

Poi il 5 stelle continua: “Un altro aspetto piuttosto controverso su questo argomento che secondo noi è destinato a peggiorare ulteriormente la situazione, è quello del conflitto di interessi che si viene a creare come in questo caso, quando un ente pubblico si mette in società con un soggetto privato per erogare servizi di pubblica utilità come abbiamo detto sopra. Infatti dalla gara a doppio oggetto scaturirà un nuovo socio di Cortona Sviluppo, quindi in pratica un nuovo socio per il Comune di Cortona, il quale andrà a gestire materialmente i servizi che sono a tutt'oggi svolti dalla partecipata cortonese.

Quest’ultimo pur essendo un socio di minoranza si troverà a rivestire la carica di amministratore delegato della società e quindi ad indirizzarne le scelte che inevitabilmente penderanno sicuramente nella direzione degli interessi del privato, con una partecipazione pubblica che seppur di maggioranza risulterà, come oramai ha ampiamente dimostrato, di essere incapace di fare da contrappeso per gli interessi dei cittadini.

Lo schema che si sta delineando è il solito, ben consolidato nelle nostre zone, in cui i privati entrano in società con gli enti pubblici con quote minoritarie, ma che determinano gli indirizzi ed il controllo delle scelte economiche e tariffarie, che ovviamente vanno sempre nella direzione di maggiori introiti e guadagni per l'azienda a scapito dei cittadini che si trovano puntualmente a pagare i rincari tariffari”.

Secondo il M5S "è proprio la commistione pubblico privata a generare questi risultati, infatti l'ente pubblico, che è sia titolare dell'affidamento del servizio sia socio dell'azienda a cui viene affidato il servizio stesso, con questo sistema misto non riesce più a svolgere la funzione di controllore e svolgere la funzione pubblica di tutela nell'interesse dei cittadini, finendo per assecondare molto spesso agli interessi portati dal socio privato essendone essa stessa partecipe agli utili. In pratica si perdono totalmente i ruoli di controllore e controllato, permettendo così il proliferare incondizionato di aumenti tariffari e quanto altro – dice il 5 stelle che conclude - In tutto questo siamo preoccupati non tanto per il centro convegni di Sant'Agostino, pur importante per la vita culturale cortonese, quanto invece per i servizi cimiteriali che vengono svolti in regime di monopolio e che pertanto potranno essere erogati solamente da chi risulterà vincitore della gara di cui vi abbiamo parlato e che, se dovesse confermarsi il trend delle altre esperienze, vedranno aumentare le tariffe di anno in anno per garantire al socio privato lauti guadagni fatti sulla pelle dei cittadini”

Secondo il M5S la soluzione ottimale per la gestione del servizio cimiteriale, considerata l’impossibilità per gli enti pubblici di assumere personale per una gestione diretta, sarebbe stata quella di una privatizzazione totale, senza commistione tra pubblico e privato all’interno del capitale del soggetto gestore, in maniera tale che i ruoli privato e pubblico sarebbero rimasti ben distinti tra loro, entrambi con le proprie funzioni: "L’Amministrazione avrebbe mantenuto il ruolo di ente controllore e garante degli interessi dei cittadini, ed il privato avrebbe portato avanti la propria legittima attività imprenditoriale come gestore di servizi pubblici. Purtroppo non è stata scelta questa strada e adesso temiamo per le conseguenze”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nello specifico si tratta di 350mila a immobili privati e 230mila a beni pubblici. Agnelli chiede lo stato di emergenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità