Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:MONTEPULCIANO11°19°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il gasdotto Nord Stream perde, il video del mar Baltico che gorgoglia

Attualità lunedì 27 giugno 2022 ore 17:45

Giugno 1944, si ricorda l'eccidio nazista

Una serie di iniziative per non dimenticare i drammatici fatti in cui morirono 224 persone. Approfondimenti e la fiaccolata della memoria



CIVITELLA IN VALDICHIANA — “Per non dimenticare… Giugno 1944”. In occasione della commemorazione del 78esimo anniversario dell’Eccidio di Civitella, Cornia e San Pancrazio del 29 giugno 1944, che contò in totale 244 vittime, il Comune di Civitella in Val di Chiana in collaborazione con l’associazione “Civitella Ricorda” organizza una serie di iniziative cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

“È doveroso ricordare oggi più che mai - dichiara il sindaco Andrea Tavarnesi, - così da contribuire ad alimentare una memoria consapevole e responsabile, che rafforzi in ognuno di noi i valori ed i principi irrinunciabili della pace, della solidarietà, del dialogo e della cooperazione tra gli uomini ed i Popoli”.

Un programma iniziato con l’annuale Marcia della Pace da San Pancrazio a Civitella, con il coinvolgimento degli istituti comprensivi di Civitella In Val di Chiana e Bucine, nel mese di maggio.

Le celebrazioni di quest’anno prevedono mercoledì 29 giugno, alle ore 10,50, la deposizione di corone di alloro ai monumenti ai Martiri di Civitella nei luoghi delle stragi del territorio comunale, proseguendo, alle ore 11, in piazza Don Alcide Lazzeri, con la deposizione della corona di alloro al Monumento ai Martiri di Civitella. Sarà, a seguire, sua Eccellenza Monsignor Riccardo Fontana Arcivescovo della Diocesi di Arezzo, Cortona e Sansepolcro a presiedere la celebrazione del rito religioso presso la chiesa di Santa Maria Assunta in Civitella.

Sabato 2 luglio, alle ore 18, presso la Galleria d’Arte Contemporanea a Civitella, dopo i saluti del sindaco Tavarnesi, si terrà la presentazione del libro di Romano Moretti “Ricordi della Seconda Guerra Mondiale”, a cura del professor Ivo Biagianti.

Ricordato dalla comunità con affetto per il lavoro svolto negli anni e di supporto alla ricostruzione dei fatti riguardanti, Moretti è scomparso nel marzo 2019 senza vedere la pubblicazione del volume. Il suo precedente libro, pubblicato nel 2005, “Il giorno di San Pietro” è ancora oggi uno dei documenti più preziosi riguardanti quella tragica pagina della storia locale. “Ricordi della Seconda Guerra Mondiale. Cornia di Civitella in Val di Chiana, Monte San Savino, San Pancrazio di Bucine”, è stato pubblicato a giugno 2019 dalle edizioni Effigi di Arcidosso, grazie all’impegno di Luciano e Piero Romanelli e al contributo dei Comuni di Bucine, Civitella in Val di Chiana e Monte San Savino. Il volume contiene nella prefazione anche gli interventi degli allora sindaci, Ginetta Menchetti, Pietro Tanzini e Margherita Scarpellini. È inoltre presente un saggio introduttivo dello stesso Biagianti.

Nella stessa serata, alle 21,30, torna la Fiaccolata della Memoria organizzata dall’associazione “Civitella Ricorda”, con partenza da Porta Aretina e arrivo in piazza Don Alcide Lazzeri. Seguirà la proiezione del video “La campanella”, realizzato da Stefano Ballini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Investimento da 15,5 milioni di euro. Verrà realizzato un tracciato alternativo alla Sr. Baccelli "più sicurezza"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Tito Barbini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Cultura