Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:37 METEO:MONTEPULCIANO16°32°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 16 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Attualità venerdì 01 luglio 2022 ore 15:30

Opera del 1600 tornata a nuova vita

Si tratta della tela “San Girolamo, Madonna con Bambino e Sant’Andrea” restaurata grazie all'Art Bonus



CASTIGLION FIORENTINO — “Abbiamo restituito alla comunità e riportato all’antico splendore un’opera del 600 grazie all’Art Bonus, un sistema fiscale di alcuni anni fa che consente ai dei moderni ‘mecenati’ di poter effettuare erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico, in questo caso castiglionese. Credo che sia una pratica da incentivare al fine di rendere fruibili al pubblico e appassionati d’arte il nostro patrimonio artistico”. 

Così l’assessore alla Cultura, Massimiliano Lachi, durante la  presentazione del restauro del dipinto su tela (220x160cm), raffigurante “San Girolamo, Madonna con Bambino e Sant’Andrea”, opera tardo-seicentesca attribuita a Tommaso Redi, che fa parte della collezione della Chiesa delle Santucce.

“La speranza è di vedere l’intera quadreria restaurata così da ridare alla Chiesa delle Santucce, oggi auditorium, la sua vecchia immagine” spiega la restauratrice, Alessandra Gorgoni. Il dipinto si presentava in cattivo stato di conservazione e, grazie, quindi, all’intervento del sindaco Agnelli, sono stati individuati degli sponsor privati che, aderendo al progetto Art Bonus hanno permesso il recupero di questo importante patrimonio locale. L’opera, ricollocata nell’altare maggiore della chiesa, ora importante centro culturale del territorio, è stata sottoposta a restauro conservativo ed estetico, da parte della restauratrice che sottolinea “strati di ossidazione e vernici ingiallite non permettevano una reale lettura dei valori cromatici; abrasioni e lacune interessavano tutta l’opera. La pulitura della cromia e le successive integrazioni materiche e cromatiche hanno permesso una lettura omogenea del dipinto”. 

Un ringraziamento, quindi, a chi ha permesso questo progetto di restaurato, alla ditta, al commercialista Cattellino e alla restauratrice Gorgoni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità