Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:29 METEO:MONTEPULCIANO12°26°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 24 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Blanco, una fan lo tocca durante il concerto. Polemica sui social: «È una molestia»

Attualità martedì 25 gennaio 2022 ore 10:12

Peste suina, il punto di "Anuu Migratoristi"

Fabrizio Lombardi, presidente della sezione di Monte San Savino dell'Associazione, ribadisce la necessità di ridurre la popolazione di cinghiale



VADICHIANA — In alcune zone del Piemonte e della Liguria sono stati accertati casi di PSA (Peste Suina Africana), presente in alcune carcasse di cinghiali.

La questione naturalmente ha scatenato la massima allerta tra le autorità sanitarie e gli allevatori, poiché il virus, seppure non pericoloso per l'uomo, si diffonde con grandissima facilità ed ha una persistenza elevatissima, oltre che letale per tutte le specie di suidi.

Lungimiranti sono state le scelte del MIPAAF e del Ministero della Salute, che unitamente ad alcune Regioni, hanno coinvolto tutti i soggetti che frequentano e conoscono il territorio, in primis i cacciatori, al fine di monitorare con maggior efficacia l'andamento del virus e dare un apporto decisivo nel debellare la PSA.

Tutte le Associazioni Venatorie hanno raccolto l'invito, mettendosi a disposizione con i propri associati per azioni coordinate e mirate atte a contenere detta diffusione. Un invito raccolto anche dall'associazione ANUU Migratoristi, la cui sezione di Monte San Savino è presieduta da savinese Fabrizio Lombardi.

"I cacciatori, consapevoli della problematica che la PSA può arrecare alle attività economiche in primis oltre all’attività venatoria, si sono messi a disposizione per la salvaguardia dell'ambiente e la fauna selvatica del nostro territorio – esordisce Fabrizio Lombardi – noi abbiamo già dimostrato in passato sensibilità per problematiche che non riguardano strettamente l'attività venatoria, basta pensare alla raccolta fondi del 2020 per l'emergenza del Covid 19. Per limitare la diffusione della PSA sarebbe utile diminuire in maniera consistente le popolazioni di cinghiale sull'intero territorio nazionale. Ciò può avvenire nel medio periodo con un’oculata politica di miglioramento ambientale tendente alla riduzione delle aree incolte, cespugliate, macchie, forteti ed habitat preferiti dalla specie, mentre nell’immediato con un maggior prelievo".

In merito ad una possibile soluzione del problema Fabrizio Lombardi conclude: "La forma senz’altro più idonea è la selezione, praticabile in qualsiasi momento, che permette un prelievo selettivo, un monitoraggio costante del virus, senza provocare la dispersione degli animali nel territorio. Soluzioni come quella della sterilizzazione varata dal governo su suggerimento delle associazioni animaliste, con cospicuo impiego di fondi statali, hanno provocato l’ilarità del mondo intero in quanto prive di qualsiasi fondamento e frutto solo di un approccio ideologico fuori da ogni logica e parvenza di realizzabilità".

di Claudio Zeni


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Insieme alla lista "Per Monte San Savino" incontra i cittadini stasera a Palazzuolo e martedì ad Alberoro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità