Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:MONTEPULCIANO18°26°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Francia, Macron colpito da un uovo a Lione: contestatore centra il presidente

Politica martedì 12 gennaio 2021 ore 15:46

Deposito nucleare, il "no" del consiglio regionale

L'assise si è espressa chiaramente sull'argomento. Le consigliere Paris e Rosignoli: "Raccolto l'appello del territorio"



TREQUANDA — Con una mozione, il Consiglio regionale della Toscana dice no all’ipotesi di creare un deposito di rifiuti radioattivi nelle zone di Pienza-Trequanda e Campagnatico. 

"Crediamo sia una presa di posizione importante. Una decisione giusta che abbiamo sostenuto con forza e che raccoglie l’appello che arriva dal nostro territorio". Così le consigliere democratiche Anna Paris e Elena Rosignoli commentano il voto del Consiglio regionale che ha approvato all’unanimità una mozione che impegna la Giunta regionale a ribadire con nettezza la contrarietà alla localizzazione e alla realizzazione nelle aree della Toscana del Deposito Nazionale e del relativo Parco Tecnologico. 

In seguito all’individuazione da parte di Sogin S.p.a. delle 67 aree possibili per la creazione del deposito è iniziato il periodo di consultazione pubblica durante il quale le Regioni, gli Enti locali, nonché i soggetti portatori di interessi qualificati possono formulare osservazioni e proposte tecniche.

Intervenendo durante il dibattito in Consiglio regionale Paris e Rosignoli hanno spiegato che “l’ipotesi di ubicare il deposito di smaltimento nelle zone di Pienza-Trequanda e Campagnatico contrasta con tutti i progetti di tutela e sviluppo di questi territori. Parliamo di aree di grande valore ambientale e paesaggistico: Pienza fa parte dei patrimoni dell’umanità tutelati dall’Unesco, Trequanda già da 3 anni ha ottenuto la qualificazione di paesaggio storico rurale. Questi territori hanno una naturale vocazione al turismo ed a produzioni agroalimentari di grande qualità. Per queste ragioni crediamo che la proposta avanzata da Sogin S.p.A. sia sbagliata e debba essere rifiutata con fermezza come richiesto anche dai sindaci e dai consigli comunali dei comuni della Val d’Orcia e della Valdichiana”.

“Abbiamo lavorato per portare la questione all’attenzione del Consiglio regionale – concludono Paris e Rosignoli – con l’approvazione di questa mozione diamo mandato al Presidente Giani e alla Giunta regionale, che si erano già espressi chiaramente, di affiancare i comuni fornendo tutto il supporto necessario per opporsi a questa ipotesi. Infatti le osservazioni alle proposte di Sogin che i comuni sono chiamati a presentare nei prossimi giorni riguardano aspetti che spaziano su molti campi e aree scientifiche e necessitano di competenze tecniche e professionalità di alto livello. Il supporto che la Regione può fornire al territorio è importante al fine di dimostrare che le aree di Pienza -Trequanda e Campagnatico non sono idonee ad ospitare il deposito”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prossima seduta dell'assise cittadina giovedì 30 settembre con dieci punti all'ordine del giorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Attualità

CORONAVIRUS