comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 18°30° 
Domani 15°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Venezia, il test del Mose visto dall'elicottero della polizia

Attualità lunedì 10 aprile 2017 ore 17:39

Rosy Bindi dopo 27 anni lascia la politica

In un'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, l’attuale presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi ha dichiarato di lasciare la politica



SINALUNGA — Rosy Bindi ha annunciato, tramite Il Fatto Quotidiano, che a 66 anni e dopo 27 anni da parlamentare, con due poltrone da ministro conquistate, a fine legislatura finirà il suo impegno politico.

"Ho lavorato in questo Palazzo per 23 anni, e prima ancora altri cinque a Strasburgo. La passione mi ha tenuta viva e integra. Fare politica non è un mestiere, ed è impossibile servirla senza quel fuoco che arde. Finita questa legislatura lascerò il campo" – così Rosy Bindi spiega le ragioni del suo abbandono.

Rosy Bindi poi ha aggiunto che una volta lasciata la politica tornerà a dedicarsi al suo vecchio amore per la teologia e ai viaggi, ma non si ritirerà a vita privata, "c'è un gran bisogno di formazione alla politica e di ricostruzione delle reti associative". Impegnata nella commissione Antimafia la Bindi, da sempre antirenziana, è rimasta fuori dal dibattito politico più acceso degli ultimi mesi, ma a Il Fatto si dice più vicina ad Orlando nella corsa alla segreteria del Partito democratico.

Riguardo al Pd ha detto: "Ho lasciato una casa incompiuta e ora la ritrovo un po' diroccata. Il Pd come si è visto non funziona se si trasforma in un carro al seguito dell'uomo solo al comando. Se riprende quella strada, forse avrà vita".

Infine Bindi racconta che l’unico leader da seguire è Papa Francesco, mentre dei 5 stelle dice “sanno convincere la gente. Il Pd non può accontentarsi della mera resistenza ai 5 stelle. I grillini sanno organizzare la domanda della gente, immersa dentro una crisi senza fine, ma non riescono a dare risposte plausibili. Quando si trovano a governare mostrano l`approssimazione di chi non ha una cultura politica. I loro eletti non fanno parte di una comunità, non hanno linguaggi e idee condivise. Sono frutto di storie personali: di destra e di sinistra, di cattolici e di ambientalisti".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Attualità

Attualità