Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:28 METEO:MONTEPULCIANO18°37°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 03 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Marmolada, si stacca un seracco di ghiacciaio a Punta Rocca: il video del crollo

Attualità lunedì 21 novembre 2016 ore 18:35

Regeni: 'Presto incontro con la procura egiziana'

Cerimonia toccante quella della consegna del premio “Un tartufo per la Pace 2016” assegnato alla famiglia di Giulio Regeni, ragazzo ucciso in Egitto



MONTALCINO-SAN GIOVANNI D'ASSO — La consegna del premio 'Un tartufo per la pace' rientra nell'ambito della Mostra Mercato del Tartufo delle Crete Senesi arrivata quest'anno alla XXXI edizione.

Il premio quest'anno è stato assegnato alla famiglia di Giulio Regeni, il giovane italiano rapito, torturato e ucciso in Egitto nel gennaio scorso. A ritirare il premio dalle mani del presidente dell’Associazione Tartufai Senesi, Paolo Valdambrini, sono stati la mamma Paola Deffendi e il padre Claudio, accompagnati dall’avvocato Alessandra Ballerini.

Toccanti le parole della madre Paola che ha ricordato come il figlio Giulio fosse “un ricercatore universitario, non un giornalista e neanche una spia, tanto per sfatare le numerose dicerie che circolano su di lui”.

Alla consegna del premio erano presenti molte autorità, tra le quali: l’onorevole Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare Antimafia e l’onorevole Luigi Dallai, membro della Commissione permanente della Camera “Cultura, Scienza, Istruzione”.

L’intervento dell'onorevole Rosy Bindi è stato molto duro: “La violenza non è mai accettabile ma quella che viene dagli apparati dello Stato o che gli apparati dello Stato non contribuiscono a scoprire è la più insopportabile. Chiediamo verità e giustizia per la famiglia, per l’Italia, per tutti coloro che lottano in ogni parte del mondo per la difesa dei diritti umani”.

“Non possiamo accettare che ci siano Paesi con i quali abbiamo relazioni commerciali – ha concluso la presidente della Commissione Antimafia - dove si uccidono ricercatori universitari. Premiare la famiglia Regeni è un modo per sperare che un giorno il mondo sia migliore”.

Il padre, Claudio Regeni, ha rivelato un nuovo particolare sulla vicenda: “Siamo in attesa della visita da parte di una commissione della procura egiziana e, finalmente, speriamo che possa realizzarsi entro metà dicembre”.

Con la famiglia Regeni erano presenti al tavolo della premiazione il sindaco di San Giovanni d’Asso, Fabio Braconi, e il presidente della Pro Loco, organizzatrice della manifestazione, Roberto Cappelli.

“Quando, a settembre, i procuratori egiziani sono venuti a Roma – ha concluso l’avvocato Alessandra Ballerini – hanno chiesto di incontrare i genitori di Giulio. Se vengono dal Cairo per parlare con noi spero che sia perché hanno qualcosa di importante da dirci”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nella notte. Una volta sul posto i soccorritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca