QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 17°31° 
Domani 17°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 18 agosto 2018

Attualità martedì 03 maggio 2016 ore 14:55

Terme, Antica Querciolaia incorpora Petriolo

Nasce il primo polo integrato senese a maggioranza pubblica; la società vedrà presidente Silvana Micheli e direttore generale Alessandro Fabbrini



RAPOLANO TERME — Le Terme Antica Querciolaia hanno chiuso il 2015 con quasi 3 milioni di fatturato registrando 140mila accessi alle piscine e porta a termine il progetto di fusione per incorporazione delle Terme di Petriolo.

Con la fusione nasce così il primo polo termale integrato della provincia di Siena a maggioranza pubblica, una società gestita attraverso un solo cda che permetterà un risparmio di 40mila euro grazie al processo d'integrazione di organi e servizi funzionale alla razionalizzazione dei costi.

“Contando sulla solidità economica della Querciolaia - commenta Silvana Micheli - rilanciamo lo stabilimento di Petriolo adottando una strategia manageriale e progettuale che consentirà risparmi, economie di scala e quindi investimenti per continuare a garantire servizi di qualità, valore e ricchezza per il territorio".

Nella nuova società rimarrà salda la compagine sociale pubblica: amministrazione provinciale di Siena (42%), Comuni di Rapolano Terme (18%), Sinalunga (8%), Asciano, Castelnuovo Berardenga (superiori al 4%), San Gimignano, Unione della Val di Merse, Civitella Paganico, Chiusdino, Radicondoli, Murlo, Montieri e Monticiano (totale 0,28%).

''Il processo di fusione per incorporazione tra Querciolaia e Petriolo - spiega Alessandro Fabbrini, direttore generale - ha lo scopo di mantenere alta la qualità dell'offerta benessere del nostro territorio. Le due strutture, infatti, nascono per rispondere a target e mercati differenziati. La forza del progetto termale integrato sta proprio nella volontà di unire le energie, puntando sulle qualità delle acque, dei sevizi e delle professionalità che le due strutture posseggono, trasferendo su Petriolo quel know how progettuale che negli anni ha permesso a Terme Aq di crescere''.

Potenziata anche l'offerta turistica termale del territorio senese che nel processo di fusione mantiene inalterati i livelli occupazioni delle due strutture, raggiungendo quota 60 unità lavorative.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca