Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:MONTEPULCIANO11°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 15 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 02 aprile 2021 ore 10:10

Restyling primaverile al parco dei Mulini

Investimento da quasi 40 mila euro. I lavori prenderanno il via martedi prossimo 6 aprile e termineranno a fine maggio



SAN QUIRICO — Prenderanno il via martedì 6 aprile, per concludersi entro il 31 maggio, i lavori di messa in sicurezza e manutenzione straordinaria dell’area del Parco dei Mulini a Bagno Vignoni Siena.

I lavori, che si articolano in due stralci funzionali, interesseranno per un importo di oltre 36 mila euro, il rifacimento dei percorsi pedonali con sistemazioni delle scalinate, la posa di nuovi tratti di balaustre e ringhiere in ferro, nuovi cancelli in sostituzione di quelli esistenti. Saranno inoltre realizzati interventi sull’illuminazione, con ripristini dell'impianto e inserimento di corpi illuminanti a led che consentiranno visite anche nei momenti di minor illuminazione naturale.

"Si tratta di un intervento di cui il Parco dei Mulini aveva estremamente bisogno, che darà una nuova vita ad un’area di pregio paesaggistico e naturalistico assoluto – spiega l’assessore al turismo Marco Bartoli - Con questo intervento di messa in sicurezza vengono poste le basi per una nuova ripartenza del turismo, considerata l’importanza del polo molitorio di archeologia industriale, che consentirà lo svolgimento di visite guidate in sicurezza e, quando sarà finalmente il momento della piena ripresa delle attività didattiche, potrà tornare ad essere anche un importante luogo di visita per il turismo didattico".

Da Bagno Vignoni si affacciano sul panorama della Val d’Orcia le vasche romane e il Parco dei Mulini. Il parco dei Mulini è un sistema costituito da quattro mulini ipogei, nei quali si macinava il grano di gran parte della Val d’Orcia. Attraverso un sistema di gorelli e vasche di accumulo, si sfruttava la ricchezza di acqua termale con un duplice scopo: quello terapeutico, soprattutto per la cura delle ossa e delle articolazioni, e quello energetico, per muovere le pesanti macine dei mulini. Un modello di corretto utilizzo della risorsa, da cui si dovrebbe trarre esempio ancora oggi.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La situazione della vallata è sostanzialmente stabile, con il versante aretino in lieve crescita di casi e quello senese in diminuzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità