Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO13°24°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Attualità domenica 06 giugno 2021 ore 07:30

Il Festival dedicato all'arte ha il suo logo

L'evento si terrà nel mese di settembre. Intanto è stato pubblicizzato il marchio che lo contraddistinguerà. Lo ha realizzato una chiancianese



RADICOFANI — Il Val d’Orcia ART Festival si svolgerà dal 10 al 12 settembre a Radicofani ed ha presentato ufficialmente il logo dell’evento, creato dalla Visual Designer 3D Generalist Melissa Mercanti.

La professionista, nata e cresciuta a Chianciano Terme, attualmente lavora a Milano. Appassionata di arte fin da piccola, amore trasmesso dalla madre, anch’essa artista, ha frequentato il liceo Artistico ad Orvieto ed in seguito ha studiato all’Accademia d'Arti Digitali di Firenze e poi di Milano.

Il logo rappresenta l’unione perfetta tra arte e territorio toscano tramite il linguaggio dei segni: la stilizzazione del pennello, simbolo dell’arte pittorica, ricorda la silhouette del cipresso toscano, elemento tipico del paesaggio in Val d’Orcia. L’interpretazione del logo presenta quindi due dimensioni, la prima quella del pennello poggiato su una tela; mentre nella seconda interpretazione sembra di osservare un cipresso con il paesaggio stilizzato in secondo piano da una finestra. La stilizzazione geometrica ha radici nella tecnica della vetrata e del mosaico, entrambe sfruttano l’incastro di tessere e vetri colorati per creare l’immagine finale.

“Ho progettato il brand per il Val d'Orcia Art Festival – ha dichiarato Melissa Mercanti – con grande passione poiché amo l'arte in tutte le sue forme ed il Festival per me è una rappresentazione a 360° di essa. Metaforicamente il Festival sarà un grande mosaico artistico dove la diversità di ogni artista è una tessera che lo compone e lo arricchisce culturalmente. Ogni artista ha il suo punto di vista a riguardo e proprio come nel cubismo, la realtà è rappresentata da più punti di vista uniti insieme in un’unica tela. In questo caso, l’arte è rappresentata da artisti con identità diverse unite insieme nel Val D’Orcia Art Festival”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Venerdì l'ultimo gradino della competizione nazionale a Firenze. Complimenti e in bocca al lupo dall'assessore Cappelletti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità