Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO14°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'Italia segna e il telecronista argentino impazzisce in diretta per il gol di Zaccagni
L'Italia segna e il telecronista argentino impazzisce in diretta per il gol di Zaccagni

Attualità martedì 04 ottobre 2016 ore 12:59

‘Il progetto di fusione parte da lontano’

Foto di: immagine di repertorio

I segretari Pd Alberto Millacci e Alessio Pieri, rispettivamente di Montepulciano e Torrita parlano del progetto di fusione tra i due Comuni



MONTEPULCIANO — Il progetto di fusione parte da molto lontano. Ha visto la condivisione di entrambe le Unioni comunali del Partito Democratico, del Partito Socialista che fa parte della coalizione di maggioranza nei due comuni ed anche di alcune forze di opposizione. Convinti che fondersi in un unico grande Comune sia la scelta più giusta nell'interesse della collettività” – spiegano i segretari Pd.

Poi parlando del futuro i due segretari dicono: “Sarà un percorso lungo e saranno innumerevoli le iniziative che lo accompagneranno. Cercheremo di spiegare le motivazioni che ci inducono ad essere convinti della bontà del progetto in tutte le sedi opportune, informando e confrontandosi costantemente con i cittadini, raccogliendo le loro richieste, le idee ed i dubbi che nasceranno dal confronto. Quei cittadini che in ogni caso avranno l’ultima parola, quella definitiva, perché sarà con il loro SI o con il loro NO al Referendum del 2018, che la fusione tra Montepulciano e Torrita di Siena, vedrà o meno la sua realizzazione”.

“Saranno – continuano - due anni molto intensi ed impegnativi dove, ci auguriamo, prevarrà sempre il buon senso e il rispetto reciproco. Come emerso nel dibattito durante l’iniziativa pubblica del 29 settembre presso gli ex-Macelli di Montepulciano, il progetto dovrà essere valutato nel merito e nei contenuti, non dalla simpatia dei Sindaci o dei Segretari di Partito o di chiunque altro sostenga la fusione. Al contrario sempre più di frequente negli ultimi anni, purtroppo sfocia in attacchi personali; sicuramente è un errore rispondere con gli stessi toni usati da coloro che quei toni li esasperano, così come il superare quel limite che porta a sconfinare in un territorio sconosciuto che nulla ha a che vedere con la sfera politica”.

Poi i segretari concludono: “Allo stesso modo riteniamo che l’opposizione in Democrazia sia intoccabile, utile e necessaria, serve come stimolo a migliorarsi e a non scivolare nell’autoreferenzialità! Non obbligatoriamente però chi si oppone deve sentirsi libero di offendere, di raccontare fatti non veri e di alzare i toni. Riteniamo che ricondurre il ragionamento sulla “fusione” ad un confronto sereno, serrato ma rispettoso delle parti e delle idee altrui, sarà elemento imprescindibile per riuscire a spiegare meglio ai cittadini le ragioni del SI e le ragioni del NO al progetto in questione, nel quale noi fermamente crediamo. Noi lo faremo, confidiamo che lo facciano anche gli altri”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al secondo turno delle elezioni amministrative il sindaco uscente è stato rieletto con il 60,65% dei voti. Vignini si ferma al 39,35%
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica