Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:MONTEPULCIANO8°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Attualità sabato 29 aprile 2017 ore 15:13

Conoscere il territorio per programmare la salute

Foto di: immagine di repertorio

Proseguono gli appuntamenti organizzati dalla Usl Toscana Sud est con 'Tessere i territori' per intercettare i bisogni dei cittadini



MONTEPULCIANO — Il prossimo appuntamento è in programma per il 3 maggio alla Fortezza di Montepulciano e l'iniziativa ha lo scopo di intercettarne i bisogni e produrre gli strumenti di programmazione per offrire risposte sanitarie e sociali appropriate in vista della redazione dei Piani integrati di salute

Irelatori metteranno sotto la lente di ingrandimento le caratteristiche e i bisogni del territorio chianino che ricomprende ben 10 comuni, e illustreranno le linee strategiche per la pianificazione.

“A poco più di un anno dalla nascita dell’Azienda USL Toscana sud est – spiega il direttore generale della Asl Enrico Desideri – con la definizione del nuovo modello organizzativo, abbiamo avviato il percorso di consolidamento dell’identità aziendale, incontrando uno per uno i territori, insieme ai protagonisti della vita politica e sociale. Non è un caso che il titolo scelto per questa lunga campagna di ascolto sia ‘Tessere i territori’. Ascolteremo direttamente dai nostri professionisti l’analisi dei bisogni della zona, li confronteremo con la domanda di assistenza dei cittadini, analizzando criticità e le opportunità per produrre strumenti di programmazione socio sanitaria coordinati e integrati”.

“Un momento quello del 3 maggio di confronto e soprattutto di approfondimento partecipato che deve portare ad una programmazione dei servizi socio sanitari sul territorio coerente con i bisogni espressi dalla stessa comunità - afferma il Presidente della Società della Salute Valdichiana Senese Andrea Rossi - Alla base c’è la centralità di una sanità pubblica e universalistica, il percorso di integrazione fra sociale e sanitario, la volontà di modellare un settore in trasformazione sulla base delle peculiarità di un territorio. Sono gli stessi territori, infatti, a dover esprimere, per vissuto, i bisogni, le criticità, le aspettative ed è pertanto importante e utile che siano coinvolti nel percorso di costruzione degli strumenti di programmazione quale sarà il Piano integrato di Salute”.

Il Piano integrato di salute è lo strumento di programmazione sociale e sanitaria con il quale vengono definiti gli obiettivi di salute e benessere, i percorsi e le politiche assistenziali in ciascuna Zona socio-sanitaria della Toscana. E’ previsto dalla normativa regionale e si colloca all'interno delle linee guida individuate dal Piano sociale e sanitario integrato regionale (Pssir). Il Pis è articolato in tre parti: il profilo di salute (dati demografici, sociali, sanitari e ambientali), l’immagine di salute (la percezione che chi vive in una zona ha di sé, del proprio stato di salute e del territorio), gli ambiti di programmazione strategica (progetti e obiettivi).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo negozio di 70 metri quadri, è il quarto in Toscana della maison che punta all'ampliamento della rete di distribuzione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità