Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:MONTEPULCIANO16°27°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità martedì 09 febbraio 2021 ore 10:52

La storia del monaco Pifferi rivive in un libro

Si tratta dell'ultima opera dello storico Salvatore La Lota Di Blasi che verrà presentata a Monte San Savino e Pisa



MONTE SAN SAVINO — Il Trattato di Architettura militare del savinese Francesco Pifferi, che a quindici anni lasciò la città di Monte San Savino per farsi camaldolese a S.M. degli Angeli a Firenze, rivive nell’ultima opera dello storico Salvatore La Lota Di Blasi “Franceso Pifferi, monaco camaldolese. Un aspirante precettore alla corte dei Medici" (Pacini 2021).

Salvatore di Lota di Blasi

E proprio il Trattato di Architettura Militare sul quale La Lota di Blasi ha studiato per due anni, è diventato il fulcro di una serie di ricerche d’archivio effettuate tra Firenze, il monastero di Camaldoli e Monte San Savino.

Il Trattato, scritto nel 1602, fu dedicato dal suo autore, il Pifferi, al futuro Granduca di Toscana, Cosimo II, con l’intendo probabile di ingraziarsene la benevolenza e farsi nominare precettore di corte.

Il prezioso manoscritto rappresenta un tassello mancante nel più ampio panorama della trattatistica del settore che da Vitruvio prosegue in epoca moderna con Leon Battista Alberti, Sebastiano Serlio e Galileo Galilei. Del manoscritto se n’erano perse le tracce finché la Fondazione Maria Luisa de Medici, proprietaria dell'opera, rappresentata dalla presidente Alexia Redini e dal medico pisano Nicola Molea, proprietario dell’enorme collezione medicea oggi in gran parte esposta presso il Museo de Medici di Firenze, ne è divenuta la nuova legittima titolare.

Salvatore La Lota Di Blasi, docente di storia e filosofia presso il liceo Scientifico S. Caterina di Pisa, già vincitore del Premio Spadolini Nuova Antologia nel 2015 e autore di varie opere ha quindi ricostruito il profilo biografico e scientifico pressoché inesistente del monaco Pifferi. Quest’ultimo fu un vero erudito ecclettico oltre che teologo, anche studioso di astronomia, professore di matematica e geometria negli atenei di Pisa e Siena. Fu accademico degli Intronati e conobbe Galileo Galilei. Il libro di La Lota Di Blasi sarà presentato prossimamente al Museo de Medici di Firenze oltre che a Pisa e Monte San Savino, città natale del Pifferi.

Claudio Zeni

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto questa mattina intorno alle 11 a Foiano della Chiana. Ferita anche una donna di 40 che che viaggiava con il centauro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca