Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:MONTEPULCIANO12°28°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 23 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ucraina, ergastolo per il primo soldato russo a processo: la lettura della sentenza

Spettacoli mercoledì 04 novembre 2015 ore 11:41

Il quotidiano va in scena al Verdi

Presentata la stagione teatrale 2015/16 del Teatro Verdi a cura di Officine della Cultura, con la direttrice artistica e attrice Amanda Sandrelli



MONTE SAN SAVINO — Quotidiano e ordinario, come le notizie diffuse dai media tra guerre, sofferenze, corruzione, intrecci tra mafia e politica e ingiustizia sociale. In tutta questa realtà mancano però le “buone notizie” il Teatro Verdi è pronto a lanciare la sfida delle belle notizie nella stagione teatrale che sta per cominciare.

“La stagione teatrale savinese vuole svolgere un ruolo sociale dalla forte valenza civica, nella quale si intrecciano ideali etici, esigenze e tensioni umane dell’odierno. Un teatro savinese che intende connotarsi come servizio pubblico finalizzato a sviluppare la riflessione critica e a stimolare la crescita culturale. Con questa stagione non vogliamo riuscire ad esprimere un concetto di culturale che abbia una valenza più ampia, vogliamo buttare un seme per le generazioni future e che sia in grado di germogliare, svilupparsi e imporsi nella scena teatrale”.

Amanda Sandrelli firma la direzione artistica della stagione della Officine della Cultura, affiancata da Luca Baldini: “L’intrattenimento oggi è tanto diffuso e ne esistono vari tipi. La gente, spesso, è abituata a vedere cose di livello bassissimo, ma allo stesso tempo si è stancata di vedere queste cose e quindi il ruolo del teatro è quello di abituare il pubblico a vedere cose diverse dal solito, ma allo stesso tempo deve abituare il pubblico a vedere cose diverse – dice la Sandrelli - Nella vita bisogna avere coraggio di fare le cose, non affidarci sempre alla prudenza, perché solo chi ha coraggio e fiducia in sé ce la può fare”.

Sarà il noto attore, sceneggiatore e regista romano Edoardo Leo ad aprire il sipario sulla linea blu della stagione lunedì 30 Novembre con “Ti racconto una storia. Letture semiserie e tragicomiche”. Il 31 Gennaio sarà la volta di “Wiegenlied - Ninnananna per l’ultima notte a Terezín” a dare l’avvio ad un anno nel segno della memoria, grazie ad un progetto realizzato in collaborazione con lo scrittore Matteo Corradini che porterà sul palcoscenico del Verdi la Pavel Žalud Orchestra diretta da Enrico Fink.

A Febbraio sarà il giornalista e scrittore, conduttore di Matrix, Luca Telese a dare voce alla storia d'Italia negli anni della grande crisi con lo spettacolo “Don Gallo Papa… Ritornerà presto!” per la regia di Roberto Totola, prodotto da Fondazione Aida. Storia d’Italia che da realtà si trasformerà in “gioco” il 4 Marzo con “Hallo! I’mJacket (Il gioco del nulla)” con Federico Dimitri e Francesco Vanenti. Una produzione Dimitri/Canessa, per la regia di Elisa Canessa, portata in scena in collaborazione con Sosta Palmizi. La primavera del Teatro Verdi tornerà sul palcoscenico giovedì 7 Aprile con la presenza di un grande narratore dei nostri tempi, Ascanio Celestini, in “Laika”. Sempre ad Aprile “Il Piccolo Principe e l'aviatore”, una drammaturgia di Samuele Boncompagni da Antoine de Saint-Exupery, impreziosita dalle musiche dal vivo del corpus musicale delle Officine e dai disegni di Alvalenti.

Spazio anche alla danza e agli incontri gratuiti con i principali artisti della stagione presso l’Interno 43 di Monte San Savino, grazie alla collaborazione di Martina e Massimo Tiezzi, alle ore 19.00 del giorno di spettacolo. Un’occasione ormai storica di confronto e condivisione tra il Teatro Verdi e il suo pubblico.

Officine della Cultura inoltre ha organizzato Spettatori Erranti, ovvero un gruppo di spettatori che si muove per i teatri della provincia di Arezzo per vedere e scoprire gli spettacoli più originali e le proposte più innovative. Il progetto è promosso dalla Rete Teatrale Aretina con il contributo del Mibac, Regione Toscana e provincia di Arezzo.

Anche quest’anno, infine, grazie alla collaborazione fra il Comune e le locali sezioni di Croce Bianca e Misericordia, sarà attivo un servizio di ‘BabySitting’ che permetterà ai genitori che vogliono assistere agli spettacoli di affidare i loro bambini a personale qualificato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella mappa sull'andamento della pandemia emersa nelle ultime 24 ore i numeri assoluti sono bassi ma il virus percorre tutti i territori e le vallate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità