Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:16 METEO:MONTEPULCIANO6°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'audio della telefonata tra il Papa e Becciu: «Santità, la lettera che mi ha inviato è una condanna»

Lavoro lunedì 11 luglio 2022 ore 16:43

"Aziende a rischio senza l’acqua del Calcione"

Confagricoltura lancia l'allarme: "Per le aziende agricole non servite dalla rete irrigua di Montedoglio non resterà che la chiusura"



LUCIGNANO — "Se non arriverà acqua dal Calcione, per le aziende agricole della Valdichiana che non sono servite dalla rete irrigua di Montedoglio non resterà che la chiusura". È l'allarme lanciato, per mezzo di una nota da Gianluca Ghini, direttore di Confagricoltura Arezzo dopo la fumata nera all’incontro di venerdì scorso fra la Regione, l’Ente Acque e la Protezione civile toscana.

"Mercoledì - rende noto Confagricoltura-  è fissata una nuova riunione, all’ordine del giorno c’è la valutazione della proposta che prevede l’uso della risorsa dell’invaso che si trova fra Lucignano e Monte San Savino, nel frattempo si apre un’altra settimana da bollino rosso per falde e bacini idrici locali e per le aziende agricole che non hanno una connessione con il distretto irriguo di Montedoglio l’incubo della chiusura diventa concreto, in particolare per le imprese della frutta".

"Vogliamo ringraziare la Regione Toscana e l’assessore Stefania Saccardi per aver compreso le ragioni degli agricoltori ed averle fatte proprie - spiega Ghini - ma per l’ok all’uso dell’acqua del Calcione serve il parere positivo di tutti".

"Richiamiamo l’Ente Acque ad una maggiore sensibilità nei confronti del mondo agricolo - dichiara il presidente di Confagricoltura Arezzo, Carlo Bartolini Baldelli - la situazione è davvero preoccupante, siamo confortati dalla vicinanza della Regione Toscana ed auspichiamo che si trovi una soluzione soddisfacente per gli agricoltori e per l’uso idropotabile".

Il piano prevede lo sversamento dell’acqua sui torrenti Foenna ed Esse da cui possono attingere le aziende agricole. Nella zona di Foiano della Chiana ci sono importanti realtà che riforniscono noti marchi della grande distribuzione e danno lavoro a molte famiglie. "Auspichiamo che le condizioni portino ad una scelta ragionevole per salvare produzione e lavoro per quelle aziende che non possono beneficiare della risorsa idrica di Montedoglio. Questa situazione speriamo faccia da stimolo per la realizzazione di tutti i progetti e gli investimenti che possano collegare l’invaso tiberino a tutta la Valdichiana".

"Ancora in Valdichiana - conclude Bartolini Baldelli - ci sono molte aziende non collegate con la diga della Valtiberina, ci sono importanti ma piccole e medie e realtà che danno lavoro a circa 150 persone, hanno fatto investimenti ed ora corrono il rischio di vedere andare tutto in fumo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un sito fake con offerte super convenienti del combustibile ha indotto in inganno una donna di Radicofani. I carabinieri hanno denunciato 2 persone
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità