QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 15°31° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 16 giugno 2019

Attualità giovedì 15 ottobre 2015 ore 10:24

Fiorini interviene su Piano operativo e Orizzonti

Rita Fiorini: "Partecipare alla vita pubblica “dall’esterno” rappresenta un sistema più distaccato ma sicuramente più obiettivo di vedere la realtà"



CHIUSI — Due sono gli argomenti importanti da affrontare secondo la Fiorini: il piano operativo e il disavanzo del bilancio della Fondazione Orizzonti.

Per quanto riguarda il piano operativo, il vice sindaco Bettollini con l'assessore Sonnini sono andati in Regione Toscana per concordare le ultime procedure per la definizione e l'approvazione del piano operativo e delle nuove regole sull'edilizia a Chiusi. Sicuramente i due bravi amministratori faranno presente, oltre che con i verbali, di persona, proprio in Regione, che il piano e' stato deliberato con i soli voti della maggioranza.

Le opposizioni, ormai da molto tempo, cioè dal momento del cambio della guardia con la nomina del vice sindaco reggente, non partecipano alle riunioni non per futili motivi o per posizioni "avventuristiche" ma per dissenso politico e per opporsi ad un modus agendi che non ha mai tenuto conto delle proposte delle minoranze, bypassando qualsiasi forma di lecito e costruttivo contraddittorio.

Certo si deve dire che sono molto coraggiosi nel progettare il futuro del paese anche di quello degli oppositori da soli, assumendosene tutta la responsabilità, senza un minimo di dubbio o di incertezza. Sono giovani, è vero, e quindi "spregiudicatamente audaci" ma, a volte, " anche i giovani possono sbagliare. Speriamo che il mondo dell'edilizia possa avere una ripresa, altrimenti continueremo a creare dei progetti, dei programmi che non favoriranno la ripresa”.

Per quanto riguarda invece l'altro argomento che sta a cuore alla Fiorini è il bilancio della Fondazione Orizzonte dichiarato dalla nuova presidente Silva Pompili.

“In consiglio comunale al momento della delibera sono state molte le perplessità delle minoranze sia per la "costituzione giuridica della fondazione" sia per il modo di affrontare il rilancio culturale partendo dalle iniziative che purtroppo già si prevedevano in deficit. Personalmente ricordo di aver votato contro, ma qualcuno potrà dire che da parte mia non era una novità ma forse avevo visto lungo e non mi ero fermata all'apparenza con un facile entusiasmo "dei principianti" che spesso nuoce alla realtà.

Con la partecipazione da parte del comune di un sostegno economico, abbiamo messo a rischio proprio i cittadini che, comunque, sono" i maggiori e poco rappresentati finanziatori comunali", con le tasse”.

Rita Fiorini conclude domando poi all’Amministrazione: come farà il nuovo consiglio della fondazione a sanare il debito acquisito, con quali meccanismi e con quale programmazione? e quali risposte potrà dare l'amministrazione comunale e quali rimedi potrà suggerire?

“Il teatro Mascagni e le attitvità collegate sono un bene comune del paese che non può, come altri beni, essere svilito o mortificato, anche a livello della sua immagine e del ritorno culturale che ci si aspetta da un tale "ente". Continuerà, pertanto, in una linea che non si e' dimostrata vincente e non in sinergia con le necessità del nostro territorio? Bisognerà comunque renderne conto alla cittadinanza”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità