Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:MONTEPULCIANO9°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità domenica 21 febbraio 2021 ore 11:20

Il MAXXI strizza l'occhio a Giulia Cenci

La giovane è tra i tre finalisti del "MAXXI BVLGARI PRIZE". L'opera vincente entrerà in modo permanente nella collezione del prestigioso museo romano



CORTONA — C'è anche l'artista cortonese Giulia Cenci, classe 1988, tra i tre finalisti della seconda edizione del "MAXXI BVLGARI PRIZE", il progetto che lancia giovani artisti grazie alla sinergia tra il MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma) e Bvlgari. 

Le loro opere sono esposte fino al mese di maggio e poi la vincitrice entrerà a far parte, a pieno diritto e in modo permanente, della collezione del MAXXI. Un'opportunità unica per la giovane che vive e lavora tra Cortona e Amsterdam. Al Premio partecipa con una significativa e imponente installazione dal titolo "lento-violento". 

Il conflitto è il tema che ha ispirato Giulia, creando questo groviglio inquietante di figure. Si tratta di 4 nuclei di sculture. Giulia, come racconta nel video di presentazione della sua opera, ha ideato l'installazione nel suo "buen retiro" alla Pietraia di Cortona. 

I tre finalisti sono stati selezionati da una giuria internazionale composta da Hou Hanru (Direttore Artistico del MAXXI), Bartolomeo Pietromarchi (Direttore del MAXXI Arte), Manuel Borja-Villel (Direttore del Museo Reina Sofía, Madrid), Emma Lavigne (Presidente del Palais di Tokyo, Parigi) e Victoria Noorthoorn (Direttrice del Museo di Arte Moderna di Buenos Aires).

Simona Buracci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità