Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:MONTEPULCIANO11°19°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il gasdotto Nord Stream perde, il video del mar Baltico che gorgoglia

Attualità giovedì 22 settembre 2022 ore 18:25

Decine di vasi e decori trovati nell'antico pozzo

Conclusa l'ultima campagna di scavi archeologici al parco Pertini di Camucia. Svelati altri tesori



CORTONA — Si è appena conclusa l'ultima campagna di scavi archeologici al parco Petri di Camucia di Cortona, le attività sono state finanziate dal Ministero per i Beni Culturali e dirette da Ada Salvi, responsabile Area Funzionale II - Patrimonio Archeologico della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena Grosseto e Arezzo.

Gli scavi erano iniziati nel 2018 dopo che, in occasione della riqualificazione dell'area, alcuni saggi di archeologia preventiva avevano dato esito positivo. Tra 2018 e 2020 è stata portata in luce una grande aula, probabilmente a cielo aperto, con due ingressi simmetrici e un pozzo centrale, la cui funzione sembra connessa ad attività per la produzione di ceramica e laterizi.

La struttura, una volta indagata e documentata, è stata ricoperta nel 2020 per ragioni di tutela, invece il pozzo è stato lasciato in vista grazie ad un accordo tra Soprintendenza e Comune per permettere la realizzazione del parco e contemporaneamente non precludere la possibilità di ulteriori scavi. La campagna appena trascorsa è stata dedicata interamente allo scavo del pozzo, una struttura profonda più di 5 metri, in parte scavata nella roccia e in parte foderata di pietre, che ha restituito una stratigrafia complessa e completamente intatta.

Il pozzo fu costruito e utilizzato nel II sec. a. C. per essere abbandonato e completamente riempito un secolo e mezzo più tardi. All'interno sono state rinvenute decine vasi in parte integri e in parte ricostruibili, utilizzati per attingere l'acqua. Una volta dismesso, il pozzo fu riempito con quel che restava del tetto e delle decorazioni in terracotta provenienti dalle vicine strutture templari che, in età etrusca e romana, costellavano questa parte di Camucia. Tegole dipinte, lastre decorate, parti di statua, basi per colonna, monete e ceramica sono emersi dal fango che riempiva il pozzo, ancora ricchissimo d'acqua.

Lo scavo, di notevole difficoltà logistica, è stato effettuato con una serie di accorgimenti tecnici che hanno consentito di operare in sicurezza. I lavori sono stati effettuati dalla ditta Capannini di Castiglion Fiorentino, sotto la supervisione dell'archeologo Hermann Salvadori con la collaborazione degli archeologi Lucia Pagnini e Alessandro Costantini; il restauro dei materiali in emergenza è stato condotto da Nadia Barbi mentre la documentazione dei reperti mobili è stata affidata all’archeologo Mattia Bischeri. Il pozzo verrà a breve restaurato, messo in sicurezza e valorizzato grazie alla sinergia tra Soprintendenza e Comune di Cortona.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Investimento da 15,5 milioni di euro. Verrà realizzato un tracciato alternativo alla Sr. Baccelli "più sicurezza"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Tito Barbini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Cultura