Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:MONTEPULCIANO7°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'audio della telefonata tra il Papa e Becciu: «Santità, la lettera che mi ha inviato è una condanna»

Cultura mercoledì 25 maggio 2022 ore 08:12

Concerto di beneficenza per i ballerini ucraini

Sabato all'auditorium Sant'Agostino la formazione svizzera Jugendorchester “Il Mosaico” per la scuola di danza di Leopoli



CORTONA — Sabato 28 maggio, alle ore 21, l'Auditorium Sant'Agostino (Via Guelfa 40), a Cortona, ospiterà il concerto della Jugendorchester “Il Mosaico”, formazione svizzera, diretta dal Maestro Hermann Ostendarp.

Si tratta di un concerto di beneficenza per la raccolta fondi a favore degli oltre 400 allievi e allieve della scuola di danza ucraina di Leopoli, diretta da Maria e Volodymyr Chmyr. Il Balletto giovanile “Veseli Cherevychky”, colpito e devastato, dal 2014 ad oggi, dall'attuale conflitto, è stato, tuttavia, premiato in numerosi concorsi internazionali, da Washington a Damasco.

Padrino dell'evento cortonese e della solidarietà musicale internazionale è il direttore e pianista Andras Schiff che ha collaborato con l'Orchestra nel 2003, in occasione dell'esecuzione dell'opera per bambini Brundibár. 

Il programma si apre con la Cantata 147 di Johann Sebastian Bach, con la celebre sezione corale Jesus bleibet meine Freude, composta dal maestro tedesco nel 1723, dal tono solenne che esprime l'amore per l'eterna gioia dell'anima e del corpo donateci da Cristo, quale linfa vitale contro le sofferenze umane.

Segue l'esecuzione dell'Egmont ouverture op. 84 di Ludwig van Beethoven, scritta per l'omonima tragedia di Goethe, nella quale si mette in luce, musicalmente, la lotta per la libertà, l'autodeterminazione del popolo contro l'oppressione politica, fino alla celebrazione della vittoria finale sulla tirannia.

Da Beethoven a Johannes Brahms, con l'esecuzione del Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 op. 83, eseguito per la prima volta a Budapest, nel 1881, proprio dall'autore in veste di pianista; un inno alla vita nel quale riecheggiano melodie del folklore tedesco, permeate dal Romanticismo, ora calmo ora emozionalmente concitato.

Brahms passa il testimone a Miroslav Skoryk, comositore contemporaneo, originario proprio della città di Leopoli (Ucraina), scomparso recentemente a Kiev. Il Mosaico eseguirà Melodia in La minore, composizione nella quale potremo apprezzare lo stile mitteleuropeo del maestro, influenzato dalle correnti musicali tedesche e inglesi. Un brano affascinante e caratteristico di questo importante autore ucraino, insignito dei titoli di People's Artist of Ukraina e di Eroe dell'Ucraina.

Chiude l'esibizione un brano della tradizione ucraina, la Dubo Dance. Dubo, in ucraino, significa Quercia. Si tratta quindi di una corrispondenza musical-botanico-esistenziale tra la maestosità, la capacità di adattamento di questo albero, dalle radici profonde e secolari, resistente alle più diverse ed estreme condizioni, simbolo di forza e solidità, proprio come il popolo ucraino.

Ingresso libero e gratuito.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’incidente nella tarda serata in via d’Arezzo. In ospedale un ragazzo di 21 anni e due uomini di 71 e 68 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità