QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 19°20° 
Domani 15°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
giovedì 20 settembre 2018

Cronaca venerdì 10 luglio 2015 ore 10:05

Consigli per evitare truffe e raggiri

Il comando provinciale dei Carabinieri di Siena illustra le migliori modalità per far fronte ai tentativi di truffa durante il periodo estivo.



SIENA — Il comando provinciale dei Carabinieri di Siena, in una nota, fa sapere che nel capoluogo sono stati registrati dei tentativi di truffa. Le segnalazioni sono pervenute sull’attività di un ignoto malfattore, di età compresa tra i 35 e i 40 anni, vestito con abiti blu scuro e con indosso un cappellino dello stesso colore, che presentandosi presso le abitazioni di persone anziane o più indifese, si qualifica come appartenente alle Forze dell’Ordine esibendo un non meglio descritto “tesserino”; dopo averne carpito la fiducia, il malvivente chiede al malcapitato di turno di esibire le banconote in suo possesso al fine di verificarne l’autenticità e, una volta ottenuto quanto richiesto, sottrae loro il denaro, dileguandosi con una scusa.

Su tali fatti, per i quali sono già due le denunce ricevute dai Carabinieri di Siena, sono in corso serrate indagini, d’intesa con la locale Procura della Repubblica.

Al riguardo, per non cadere in raggiri, è necessario richiamare alcune semplici precauzioni:

- non aprire la porta e non fare entrare sconosciuti, soprattutto se si è soli in casa;

- prima di fare entrare qualcuno, è opportuno accertarsi della sua identità o farsi mostrare un documento, tenendo presente che raramente i carabinieri e le Forze dell’Ordine in genere operano da soli e senza l’appoggio di personale in divisa;

- a fattor comune, in caso di sconosciuti che dichiarino di appartenere a Enti o Associazioni, prima di farli entrare in casa occorre verificare sempre da quale servizio o Ente sono stati inviati e per quali motivi e nel caso telefonare all’ufficio di Zona dell’Ente per effettuare le necessarie verifiche;

- in caso di dubbi sull’identità delle persone che chiedono di entrare in casa, chiamare i numeri d’emergenza 112 o 113, raccontando cosa è successo o cosa sta accadendo, specificando il luogo del fatto e fornendo il vostro numero telefonico.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità