Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:20 METEO:MONTEPULCIANO6°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 30 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'audio della telefonata tra il Papa e Becciu: «Santità, la lettera che mi ha inviato è una condanna»

Attualità lunedì 03 ottobre 2022 ore 15:12

Notte infernale sul treno, ma è un'esercitazione

Maxi dispiegamento di soccorsi per la simulazione di una colluttazione e una fermata d'emergenza di un Intercity tra pseudo feriti e intossicati



CHIUSI - CHIANCIANO TERME — Nella notte del weekend appena concluso, tra il 1 e il 2 ottobre, la centrale operativa emergenza sanitaria di Siena e Grosseto ha partecipato a un'esercitazione di protezione civile a bordo di un treno Intercity di Trenitalia, partito da Chiusi-Chianciano Terme e diretto a Firenze.

La simulazione prevedeva una colluttazione in una carrozza dove un passeggero ha spruzzato spray urticante sugli altri passeggeri e sul personale. Uno dei viaggiatori ha tirato il freno d'emergenza, così il convoglio si è fermato in aperta campagna con intossicati e feriti da soccorrere.
La centrale dell'emergenza sanitaria di Siena e Grosseto, ricevuta la chiamata dalla centrale regionale 112, ha messo in moto immediatamente il protocollo operativo maxi emergenza attivando i vigili del fuoco e inviando sul posto due automediche, due ambulanze e diverse ambulanze blsd con soccorritori, anche volontari, formati alle emergenze oltre al furgone logistico delle maxi emergenze. Ha attivato poi il Posto medico avanzato (Pma) con i soccorritori volontari del Siena soccorso.
In centrale operativa - per prendere parte al coordinamento dei soccorsi istituito dalla Prefettura di Siena – sono arrivati il direttore ed il personale di rinforzo.
Attivata anche la centrale operativa emergenza di Arezzo - vista la natura dell'emergenza e i numerosi feriti - che ha inviato personale e la tenda di decontaminazione.

In 21 minuti il Pma è stato montato e allestito per accogliere i pazienti che una volta decontaminati e puliti hanno ricevuto le prime cure. È stato eseguito il triage in ingresso al posto medico avanzato, poi l'assistenza all'inter del Pma da parte di tre infermieri e un medico e infine il triage di uscita e l'evacuazione verso gli ospedali. I pazienti sono poi stati smistati dalla centrale operativa verso gli ospedali che avevano dato disponibilità di posti letto.

Queste le parole del direttore della centrale operativa dottor Giuseppe Panzardi: "desidero esprimere il mio ringraziamento a tutto il personale sanitario, medici, infermieri, ma anche al personale volontario di Siena, Grosseto e Arezzo  che hanno lavorato per la gestione della maxi emergenza, al referente aziendale maxi emergenze Pietro Aloia e all'operatore tecnico di Esculapio Tommaso Fabbrini che ha gestito tutte le operazioni dalla centrale operativa, e al personale che nei mesi e nei giorni precedenti ha contribuito all'organizzazione dell'esercitazione. Ancora una volta il team maxi emergenze di Siena coordinato da Luca Berti e Gianni Vagheggini ha dato dimostrazione di compattezza e competenza operativa sul campo".

Alle 4 del mattino il treno è stato evacuato, gli ultimi pazienti usciti dal Pma e la centrale operativa è tornata al regime operativo ordinario.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un sito fake con offerte super convenienti del combustibile ha indotto in inganno una donna di Radicofani. I carabinieri hanno denunciato 2 persone
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità