Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:29 METEO:MONTEPULCIANO13°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 10 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il figlio di Perisic consola Neymar in lacrime, la stretta di mano poi il commovente abbraccio

Spettacoli venerdì 17 giugno 2016 ore 17:00

Sagra del Cinema, prime anticipazioni

Saranno otto i giorni di eventi e a luglio arriva Salvatore Striano con la proiezione “Cesare deve morire”, ad agosto in programma una serata speciale



CASTIGLION FIORENTINO — Torna la Sagra del Cinema e lo fa con alcune piccole grandi novità. Format originale, incontri-aperitivi con i protagonisti del cinema, proiezioni in piazza ad ingresso gratuito, gastronomia regionale a tema e un incremento dei giorni di programmazione.

Tema dell'edizione 2016 sarà “Di figli in padre”, che non vuole essere una venerazione di “vecchi maestri” o la celebrazione di un passato mitizzato, ma il confronto tra artisti e temi contemporanei e le loro radici, personali e professionali, “spirituali” e anagrafiche.

Dopo le sei serate della prima edizione toscana del 2015, quest’anno saranno ben otto gli appuntamenti in programma. Prima parte presso la Torre del Cassero, dal 27 al 31 luglio, e chiusura in piazza dello Stillo dal 19 al 21 agosto. Una conferma della formula dell'anno scorso e un incremento degli appuntamenti fortemente voluto dall'Amministrazione castiglionese e in particolare dall'assessorato alla Cultura del Comune aretino.

“Dopo il successo e la grande attenzione riscossa l'anno scorso – spiega Massimiliano Lachi, assessore alla cultura – abbiamo pensato di aumentare i giorni di eventi, per riportare in maniera ancora più convita il cinema nella nostra città e arricchire la proposta culturale estiva del territorio”.

A luglio ci sarà Salvatore Striano, per tutti Sasà, ex carcerato, oggi attore e scrittore, protagonista del film Cesare deve morire, tratto dal Giulio Cesare di Shakespeare e diretto da Paolo e Vittorio Taviani, Orso d’Oro al Festival di Berlino del 2012. Salvatore Striano, nato e cresciuto nel cuore di Napoli, in una delle zone più controllate dalla criminalità, è diventato una delle figure più carismatiche delle Teste matte, una storia che ha raccontato nel romanzo Teste matte, scritto con Guido Lombardi. Poi la fuga e la latitanza in Spagna, l’arresto, il carcere, prima a Madrid poi a Rebibbia, dove ha incontrato un maestro, Fabio Cavalli, che gli ha fatto scoprire la letteratura, Shakespeare e il teatro. Da allora, riconquistata finalmente la libertà, è stato un camorrista per Matteo Garrone (Gomorra), un rapinatore per Guido Lombardi (Take five) e molti altri personaggi, al cinema e in tv. Nel 2012 arriva la consacrazione, con il film Cesare deve morire. Salvatore Striano sarà a Castiglion Fiorentino venerdì 29 luglio, per parlare e presentare La tempesta di Sasà.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella chiesa di Alberoro l'addio alla piccola deceduta a due anni e mezzo dopo essere nata dalla mamma in coma
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità