Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:MONTEPULCIANO11°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali Maroni, il figlio Filippo: «Per te non è stato facile essere un papà ma il tuo amore ci è arrivato»

Attualità lunedì 05 settembre 2022 ore 12:49

Pioggia e sole, spuntano i funghi: le regole

Tutte le indicazioni per una raccolta corretta e in sicurezza. Procedure da fare, modalità e dove accertarsi della commestibilità



CASTIGLION FIORENTINO — Con il maltempo scatta la corsa a porcini, finferli, trombette, chiodini nei boschi italiani dove le ultime piogge hanno creato le condizioni favorevoli alla crescita deiprelibati prodotti del sottobosco, i funghi, appunto. 

Coloro che vogliono raccogliere i funghi nel solo territorio del Comune di residenza non sono tenuti a munirsi di alcuna autorizzazione; coloro che vogliono raccogliere i funghi epigei spontanei al di fuori del Comune di residenza sono tenuti a dotarsi di un’autorizzazione che viene rilasciata dalla Regione. 

Si deve fare un versamento sul conto corrente postale n. 6750946 intestato a Regione Toscana, o un bonifico tramite codice IBAN IT87P0760102800000006750946, oppure un versamento tramite IRIS. Gli importi da versare sono i seguenti: 13,00 euro per l’autorizzazione personale semestrale o 25,00 euro per l’autorizzazione personale annuale. Per chi risiede in territori classificati montani, tali importi sono ridotti del 50%. Di analoga riduzione beneficiano i soggetti di età compresa fra i 14 ed i 18 anni in possesso dell’attestato di frequenza ai corsi. Sulla ricevuta del versamento deve essere indicato: “Raccolta funghi’ e le generalità del raccoglitore. 

La ricevuta va conservata e portata con sé al momento della raccolta, insieme a un documento di riconoscimento. Il limite giornaliero per persona è di tre chilogrammi a testa, salvo il caso di un singolo esemplare o più esemplari concresciuti di peso superiore; il tetto giornaliero sale a dieci solo nel caso in cui i residenti nei territori classificati montani della Toscana, facciano la raccolta nel proprio comune di residenza. 

Non ci sono limiti, invece, per imprenditori agricoli e soci di cooperative agroforestali che, in possesso dell’attestato di idoneità al riconoscimento delle specie fungine rilasciato dagli Ispettorati micologici, svolgano la raccolta, a fini di integrazione del proprio reddito, nella provincia di residenza. La raccolta può essere esercitata da un’ora prima del sorgere del sole a un’ora dopo il tramonto. 

Nella raccolta non devono essere usati strumenti che rovinano il micelio, lo strato superficiale del terreno e gli apparati radicali della vegetazione (rastrelli). I funghi devono essere riposti in contenitori rigidi e areati, atti a diffondere le spore. È vietato l’uso di sacchetti di plastica. 

Per accertarsi della bontà dei funghi raccolti o regalati è possibile rivolgersi ai tecnici dello sportello micologico della USL8, al consulenza è gratuita. In Valdichiana lo sportello micologico si trova a Camucia Distretto Socio-sanitario Via Capitini 6 appuntamento col micologo 0575 639979 lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco il nuovo allestimento della rotatoria di via dei Mori a cura della Cortona Doc che testimonia l'identità del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità