Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:MONTEPULCIANO5°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità mercoledì 24 novembre 2021 ore 14:24

Castiglionesi "ambasciatori" del gusto nel mondo

I formaggi di Andrea Magi ed i vini di Arnaldo Rossi stanno facendo incetta di successi e riconoscimenti. L'apprezzamento del sindaco Mario Agnelli



CASTIGLION FIORENTINO — Quando il nome di un paese viene associato al gusto e alla bontà. Così due imprenditori locali portano il nome di Castiglion Fiorentino in giro per il mondo e lo fanno ottenendo risultati a dir poco strabilianti.

E' lo stesso sindaco Mario Agnelli ad esaltare i risultati raggiunti da Andrea Magi e Arnaldo Rossi.

“Non possiamo sostenere che hanno rivoluzionato i loro rispettivi settori, ma senz’altro hanno portato in giro per l’Italia e non solo il nome di Castiglion Fiorentino - afferma Agnelli. I formaggi di Andrea Magi, della De’ Magi – Alchimia de’ Formaggi, sono stati premiati al World & Italian Cheese Awards mentre dopo anni di lavoro i vini di Arnaldo Rossi sono entrati nella Guida Slow Wine. Due nuovi successi, quindi, che arrivano dopo anni di lavoro accompagnati dalla passione e dallo studio". 

Andrea Magi quest'anno si porta a casa, come portabandiera italiano, ben tre premi al World Cheese Awards che si è tenuto a Oviedo, in Andalusia, (Spagna) dove partecipano i più qualificati operatori di tutto il mondo. Con l’Italian Cheese Awards a Cittadella una delle soddisfazioni più emozionanti: La Castana, uno dei cavalli di battaglia tra gli erborinati De’Magi, vince il premio “Formaggio dell’anno 2020-2021”.

Venti anni fa, invece, Arnaldo Rossi con il suo ristorante “Taverna Pane e Vino”, tra i primi in Italia, ebbe l’intuizione di avvicinarsi a questi vini “naturali”. Dopo aver piantato una piccola vigna in Val di Chio, le piante erano disposte ad alberello, “decisi di rivalutare il sangiovese, pensando di lanciare una sfida a chi in questi anni si è fatto ammaliare dai vitigni internazionali. I risultati furono incoraggianti, probabilmente più per fortuna che per abilità, tant’è che il progetto prese forma. Grande merito della mia crescita la devo ad un grande amico nonché bravissimo vignaiolo, Marco Tanganelli. Oggi finalmente grazie agli appassionati in Italia e all’estero il mio vino è sempre più richiesto e il nome di Castiglion Fiorentino continua a farsi conoscere anche bontà al vino" - conclude l'imprenditore.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurato il cartellone di eventi che accompagnerà tutto il periodo delle festività. Oggi la prima performance con gli artisti del circo bianco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità