comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 14°26° 
Domani 13°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 12 luglio 2020
corriere tv
Maltempo in Lombardia: bomba d'acqua a Brescia, venti oltre i 130 km/h

Attualità giovedì 11 maggio 2017 ore 16:29

Cresce il ruolo del Consorzio di Bonifica

L'attività del Consorzio 2 Alto Valdarno ha come interesse unico quello di garantire la tutela dei cittadini e di un'area grande 450mila ettari



VALDICHIANA — Circa 4.1 milioni di euro di interventi di manutenzione ordinaria sui corsi d’acqua del reticolo idraulico in gestione al Consorzio e altri interventi di natura straordinaria con valenza più strutturale cofinanziati dalla Regione hanno interessato le due più importanti aste fluviali del territorio, l’Arno ed il Tevere, oltre ad altri torrenti.

Sono questi nel dettaglio gli interventi che hanno riguardato la manutenzione straordinaria del torrente Faella nel Comune di Castelfranco Piandiscò (600mila euro), torrente Ponterosso nel Comune di Figline e Incisa Valdarno (92mila), fiume Arno nel tratto ricadente nei Comuni di Castel Focognano, Capolona e Subbiano (200mila) e in quello ricadente nei Comuni di San Giovanni Valdarno, Figline e Incisa Valdarno (500mila). A questi si sommano gli interventi sul torrente Cerfone nei Comuni di Arezzo, Anghiari e Monterchi (180mila) e sul fiume Tevere e torrente Afra a Sansepolcro (276mila). Infine ci sono i lavori sul Canale Maestro della Chiana (283mila), sul reticolo di seconda categoria del comprensorio Valdichiana senese (472mila), alla Esse di Foiano – Fossetta del Terchio (449mila) e al reticolo di seconda categoria del comprensorio Valdichiana aretina (311mila).

Il Consorzio 2 Alto Valdarno negli ultimi anni, grazie anche al Piano di Classifica, ha stretto accordi di collaborazione con le Unioni dei Comuni delle varie vallate e con i comuni e gli altri enti territoriali. Anche a livello di occupazione il Consorzio, oltre di avvalersi al suo interno di uno staff di giovani ingegneri idraulici, ha collaborazioni esterne con decine di imprese generando una ricaduta occupazionale ed economica di grande rilievo. 

«Il rapporto con i cittadini, ovvero i nostri consorziati, è palesemente migliorato rispetto a un passato anche recente – sottolinea il Presidente del Consorzio, Paolo Tamburini – e questo anche in virtù dell’attivazione di misure e di un’attenzione sempre più vicine alle necessità dei cittadini stessi e il nuovo piano di classifica offrirà ulteriori opportunità al territorio nella sua complessità».

In questi giorni inoltre sono in arrivo i bollettini per il tributo di bonifica relativo al 2016. 

«Non ci sono stati aumenti - commenta il presidente Paolo Tamburini - e il contributo totale è sempre il solito. I bollettini sono partiti in ritardo in quanto in quanto eravamo in attesa dell'approvazione da parte della Regione del nuovo piano classifica, fondamentale per calcolare il tributo in base al reale beneficio per l'utente».

Per il 2016 è stato emesso un ruolo pari a 7 milioni e 146mila euro. La cifra del ruolo non coincide con quella degli avvisi, e questo è dovuto al fatto che il contributo inferiore ai 10,33 euro non viene emesso nell’anno in corso, ma rinviato all’anno successivo. Oltre ai contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari o le erogazioni liberali in favore degli enti non profit, anche i contributi di bonifica sono oneri interamente deducibili. Questo perché il tributo di bonifica è un onere reale che grava sull’immobile e come tale incide sul valore stesso del bene.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità