comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEPULCIANO
Oggi 15°27° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Antonio Razzi ‘imita' il Gladiatore Russell Crowe (con una pentola in testa)

Attualità venerdì 05 febbraio 2016 ore 11:28

Funghi, 65 persone intossicate nel 2015

Famigliola Buona

L’Ispettorato micologico USL fa il bilancio della stagione micologica 2015, una delle più prolifere in fatto di produzione di specie di funghi



MONTEPULCIANO — Ben sessantacinque persone hanno fatto ricorso ai pronto soccorsi della nostra provincia perché intossicate dal consumo di funghi non commestibili. Gli esperti dell’ispettorato micologico dell’ex Usl 7 sono intervenuti, allertati dalle strutture di emergenza, in ventinove casi (diciassette nella zona senese e dodici nella zona sud della provincia) per un totale di sessantuno persone, fornendo la loro preziosa consulenza.

Al primo posto nella classifica dei funghi che hanno causato più intossicazioni c’è il cosiddetto fungo dell’olivo (Omphalotus olearius), che viene spesso confuso con le comuni giallarelle e che ogni anno provoca diverse intossicazioni. In aggiunta, nel 2015 ventuno persone hanno fatto ricorso alle cure ospedaliere per aver ingerito Armillarea mellea, volgarmente chiamata la “famigliola buona”, considerato fungo commestibile ma che, a causa della preparazione culinaria sbagliata, non sempre risulta digeribile.

Il bilancio dell’attività degli sportelli micologici USL nel 2015 rivela che 237 persone hanno fatto controllare dagli esperti 4993 funghi, di cui 4275 commestibili, 269 non commestibili, 431 tossici e 18 addirittura mortali (Amanita phalloides e Paxillus involutus).

Gli sportelli micologici svolgono un’attività fondamentale per evitare brutte sorprese: purtroppo sono ancora tante le persone che continuano a consumare funghi anche in cattivo stato di conservazione e, molti, fidandosi delle conoscenze dei cosiddetti “esperti”. A tale proposito, in occasione delle consulenze presso gli Ospedali, è emerso che in diversi casi l’intossicazione è stata causata da funghi regalati o comunque “riconosciuti” da amici o parenti.

Da ricordare quindi che l’attività di controllo dei Centri micologici pubblici, presenti nelle sedi USL di Siena, Poggibonsi, Abbadia San Salvatore e Torrita di Siena, è estesa a tutto l’anno e viene intensificata nel periodo che va da agosto a dicembre, notoriamente quello più propizio per la raccolta dei funghi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità