Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO10°22°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Festa Leclerc: tutti in acqua dopo il trionfo, tuffo anche per il team principal

Attualità lunedì 10 ottobre 2016 ore 12:05

‘Torrita non si fonde, uniti si fusi no’

Il Comitato No Fusione ha iniziato la sua battaglia contro il progetto di fusione dei Comuni Torrita-Montepulciano argomentando il No con 14 ragioni



TORRITA DI SIENA — “L'amministrazione comunale intende fondere il nostro Comune con quello di Montepulciano, facendo venir meno l’identità e la storia di Torrita di Siena, mettendo a rischio i servizi comunali e la rappresentatività politica, senza la quale verranno meno gli investimenti sul territorio. Al di là delle rassicurazioni, peraltro senza entrare nel merito, di chi propone la fusione, ci sembra del tutto evidente che se il Comune sarà a Montepulciano e non più a Torrita di Siena il nostro paese diventerà marginale, come sono marginali le varie frazioni di Montepulciano rispetto al capoluogo” – dice il Comitato No fusione in occasione dell’inaugurazione della loro nuova sede.

Ai nostri NO ci saremmo aspettati delle contro argomentazioni, che evidentemente non ci sono visto che il sindaco ha fatto un esposto ai carabinieri contro una componente del comitato accusandola di dire cose false e tendenziose. Poi dall’account facebook “Comune di Torrita di Siena” ha dichiarato che il Comitato adesca i cittadini, non più giovanissimi, facendoli firmare con la menzogna terroristica che il comune chiude” – dice il Comitato.

“A fronte di questa situazione c’è stata una nota congiunta del PD di Montepulciano e di Torrita di Siena in cui, anche se in maniera molto morbida, ci è sembrato che non approvassero l’operato del sindaco, auspicando un confronto sereno e rispettoso delle parti. A questo punto ci saremmo aspettati da parte del sindaco un atteggiamento diverso. Invece, con una telefonata ad una tv locale, mentre si stava trattando l'argomento fusione, ha dichiarato che la raccolta delle firme è illegale (cosa assolutamente falsa) e che l'esposto era un atto dovuto” – poi il Comitato continua.

“A questo punto, tutti noi assieme, con gli avvocati a cui ci siamo rivolti per una nostra tutela legale, decideremo tempi e modi di risposta al sindaco. Poi faremo ricorso al difensore civico regionale per denunciare questi comportamenti e queste affermazioni non veritiere da parte sua”.

Intanto il Comitato lancia un incontro pubblico per venerdì 21 Ottobre alle 20:30 nei locali dell’ex pizzeria Jolly, in piazza Don Giovanni Turchi, già della Libertà, dove saranno ospiti Giuliano Parodi, Sindaco di Suvereto in provincia di Livorno e Marco Buselli Sindaco di Volterra.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Arezzo e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca