Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:MONTEPULCIANO16°27°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità martedì 11 luglio 2017 ore 12:13

FdI ribadisce la sua contrarietà alla fusione

Maccarone e Andreucci - FdI

Maccarone e Andreucci, rispettivamente vicepresidente provinciale e portavoce comunale di Torrita di Siena per FdI si dicono contrari alla fusione



TORRITA DI SIENA — A Torrita di Siena si è tenuto un primo incontro sul progetto di fusione dei Comuni di Montepulciano e Torrita di Siena, al quale sono state invita le associazioni del territorio in questione, per esprimere i propri pareri a riguardo.

"Abbiamo deciso di assistere all'incontro e dopo aver approfondito la questione, ribadiamo fermamente la nostra contrarietà a questo progetto di fusione" - esordisce così FdI dopo l'incontro pubblico.

"Il nostro partito già negli scorsi anni ha avuto modo di esprimersi sul tema quando la questione investì sia Sinalunga sia Chianciano Terme e siamo convinti che questo percorso porterebbe più criticità che benefici. Riteniamo che la fusione tra i comuni di Montepulciano e Torrita di Siena, oltre ad impattare negativamente sull'identità e le tradizioni degli stessi, comporterà solamente un allontanamento delle istituzioni dal cittadino, così come già avvenuto con la chiusura del Tribunale di Montepulciano" .

Fdi poi continua: "I due sindaci, si nascondono dietro i tecnicismi della normativa di settore affermando che questa sia una scelta inevitabile, tralasciando però di indicare che il progressivo svuotamento di poteri dei comuni è dato da una precisa scelta politica, portata avanti dal governo targato PD di cui gli stessi fanno parte e non da una qualche altra volontà sovraordinata; scelta volta ad arginare la perdita di voti che il centrosinistra sta subendo sia in provincia di Siena sia più in generale in Toscana". 

"Crediamo che la fusione dei due comuni moltiplicherebbe le zone d'ombra del nostro territorio, come sta accadendo negli ultimi anni alle frazioni poliziane o al borgo di Montefollonico tagliati fuori da qualsiasi progetto di sviluppo e miglioramento, ed aumenterà a dismisura le spese che il mantenimento di un comune superiore ai 20.000 abitanti comporta, senza alcun beneficio per i cittadini che già vedono drasticamente ridotti i servizi a propria disposizione. "

Infine i due esponenti concludono: "In questi mesi fino al referendum consultivo sulla fusione, ci impegneremo attivamente per mettere in luce le negatività di questo progetto ed a collaborare con il Comitato NO Alla Fusione già attivo a Torrita. Nel frattempo invitiamo tutti i cittadini poliziani che non si riconoscono in questo percorso a collaborare insieme per la creazione di un Comitato per il No anche a Montepulciano, il più partecipato e trasversale possibile, per il quale ci mettiamo a disposizione."

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto questa mattina intorno alle 11 a Foiano della Chiana. Ferita anche una donna di 40 che che viaggiava con il centauro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca