Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEPULCIANO16°33°  QuiNews.net
Qui News valdichiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdichiana
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità mercoledì 06 luglio 2016 ore 15:21

Trepidante attesa per la Giostra del Saracino bis

Sarà una giostra speciale, con regole, orario e contesto tutti particolari, quella in programma per sabato 9 luglio; resi noti i nomi dei giostratori



SARTEANO — Si svolgerà in Pian di Mengole, in notturna, e con una coppia di giostratori per contrada la Giostra del Saracino di luglio, la Provaccia invece si svolgerà la sera di venerdì 8. Torna così, per il secondo anno consecutivo, un evento bis, rispetto a quello tradizionale di metà agosto, per rinnovare la sfida tra le cinque contrade.

I giostratori saranno due per contrada, anziché uno, come vuole la tradizione, per creare più equilibrio a vantaggio dello spettacolo. I loro nomi verranno presentati la sera della Provaccia, ma l’elenco che segue potrebbe essere più che attendibile. Sant’Andrea: Francesco Fabbrizzi, Daniele Cappelletti; San Bartolomeo: Claudio Rossi, Marco Mazzuoli; San Lorenzo: Angelomaria Pippi, Alessandro Moretti; San Martino: Fabio Tamagnini, Guido Gentili; Santissima Trinità: Giacomo Perugini, Stefano Capocci.

Le cinque contrade effettueranno sei stoccate verso un anello da sei centimetri, alternando i due giostratori (tre tentativi ciascuno, dunque). Se al termine delle sei carriere vi fosse un ex equo saranno effettuate altre cinque carriere, le prime tre con anello da sei centimetri, la quarta e quinta di spareggio con anello da cinque centimetri, garantendo sempre l’alternanza dei Giostratori. Se al termine vi fosse ancora parità, per decretare i vincitori verranno privilegiati i tempi che i giostratori hanno realizzato nelle stoccate. In caso di ulteriore pareggio verrà considerato l’ordine di estrazione di partenza.

Per l’occasione l’Associazione Giostra ha allestito con grande impegno nel Pian di Mengole un impianto di illuminazione fisso lungo la “lizza” di gara per consentire di giostrare agevolmente e in sicurezza anche in notturna.

“Un impegno davvero eccezionale – osserva il sindaco Francesco Landi - che ha coinvolto i volontari della Giostra e delle Contrade in primis ma anche tanti professionisti e realtà economiche locali. A tutti va il mio ringraziamento personale e a nome dell’intera comunità di Sarteano che avrà l’opportunità di assistere ad uno spettacolo davvero senza precedenti”.

La Giostra del Saracino ha origini antichissime ma l'istituzione delle attuali cinque contrade risale al 1933. Prima di quella data i cavalieri giostravano in nome delle compagnie laicali e chiese (non parrocchiali) e dandosi dei nomi di fantasia. Quanto alle origini, la giostra costituisce una trasformazione evolutiva del torneo, con un simbolico fantoccio che serviva come bersaglio di assalto a scopo di esercitazione guerresca e in seguito si usò per dare spettacolo. Ma, a parte questa trasformazione, la Giostra ha conservato sempre il suo significato essenziale espresso in un eterno dualismo: la lotta tra il bene e il male, tra l’amore puro e l’odio cieco, il primo rappresentato dal leale e valoroso cavaliere, il secondo dal predone saraceno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sei Toscana informa che alcuni servizi manuali previsti nelle ore più calde della giornata potrebbero subire delle modifiche
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità